Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.7C
Venezia
venerdì 05 Marzo 2021
HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliChe cos'è il calcio? La grande bugia dei dirigenti italiani

Che cos’è il calcio? La grande bugia dei dirigenti italiani

La programmazione e la capacità di saper investire in modo ragionato, possono salvare le finanze di molte società e migliorare il livello del campionato italiano

maradona argentina coppa del mondo

Che cosa è il calcio? È uno sport, è passione, divertimento ma soprattutto business. Il calcio moderno si basa principalmente sui soldi, dal passaggio di Maradona dal Barcellona al Napoli per 13,5 miliardi di lire ai 48 per Ronaldo all’Inter, fino i 120 di Pogba al Manchester United. Più passano gli anni, maggiori sono le necessità economiche per sopravvivere nel mondo del calcio.

Il piccolo imprenditore con la passione del calcio difficilmente riesce a reggere e costruire formazioni davvero competitive; soprattutto senza una vera programmazione. Ne sono un esempio palese le tre squadre in zona retrocessione nella massima serie italiana: Palermo, Crotone e Pescara non hanno mai davvero lottato per la salvezza fino a questo momento. Sfidandosi solo per evitare l’ultimo posto in classifica.

Partendo dalle due neopromosse, la casualità della loro promozione è un male per il calcio. Tocca quasi dare ragione al presidente della Lazio Claudio Lotito, quando si lamentava delle piccole squadre in serie A. Senza un vero piano a lungo termine, si può contare solamente sull’exploit di uno o due anni, poi tutto ritorna alla normalità. Alla giusta dimensione calcistica. Chi ha programmato benissimo in questi anni, sono l’Atalanta, il Chievo, l’Udinese e il Sassuolo.

I Neroazzurri non hanno bisogno di presentazioni, uno dei vivai migliori d’Italia, sforna annualmente i talenti del futuro e quando l’anno è buono, è capace di campionati esaltanti. Innumerevoli i calciatori “sfornati” dalla primavera bergamasca, ultimo quel Gagliardini che passato all’Inter nella sessione di mercato invernale, sta dimostrando di valere la grande squadra.

Passando al “miracolo” Chievo, è ora di ammettere che di miracolo non c’è proprio nulla. I Gialloblù della diga sono figli di una dirigenza illuminata che ha saputo gestire in modo oculato, trasformandosi in una realtà italiana. Negli anni ha creato uno zoccolo duro, un gruppo unito di calciatori fidelizzati che hanno sposato la causa. Ogni anno qualche inserimento ragionato e davvero utile alla causa, niente voli pindarici o investimenti folli. Solo quest’anno c’è stato un vero tentativo di portare Mario Balotelli in riva all’Adige e sarebbe stato divertente.

In fine, Udinese e Sassuolo, due visioni completamente opposte ma ugualmente efficaci. I Pozzo sono una vera e propria industria del calcio con diverse squadre di proprietà e un circuito di osservatori, in giro per il mondo. Negli anni sono arrivate decine di calciatori stranieri e tra questi anche grandi campioni, da Oliver Bierhoff a Marcio Amoroso, fino a Alexis Sanchez. Anni in Europa e campionati di tranquilla salvezza si sono susseguiti dal 1986, anno dell’acquisto di Giampaolo Pozzo da Lamberto Mazza, il presidente di Zico.

Sassuolo sotto la presidenza di Giorgio Squinzi ha pianificato una squadra basata su giovani italiani che negli anni ha scalato i campionati italiani, fino all’Euro League di quest’anno. In questo caso, ai ragazzi della primavera si uniscono grandi investimenti tra i migliori prospetti. Insomma, una “provinciale” atipica data, la grande disponibilità economica del proprietario della Mapei.

Tutti questi esempi per evidenziare che i grandi risultati si ottengono con la calma e con il tempo. Il tutto e subito non funziona mai, nemmeno nelle grandi squadre con grandi capitali a disposizione. La programmazione e la capacità di saper investire in modo ragionato, possono salvare le finanze di molte società e migliorare il livello del campionato italiano.

Non essendoci più grandi capitali, torniamo sempre allo stesso discorso, gli investimenti sui giovani devono essere la priorità. Non è possibile che in Inghilterra un ventenne giochi in Champions League mentre in Italia se va bene, viene fatto maturare nelle serie minori. Perché non ritenuto mai pronto. La grande bugia dei dirigenti italiani.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...