30.5 C
Venezia
sabato 19 Giugno 2021

Carve the Mark – Veronica Roth e i suoi nuovi ”divergenti”

HomeLibri, recensioni e nuove usciteCarve the Mark – Veronica Roth e i suoi nuovi ''divergenti''

carve the mark copertina veronica roth

E’ conosciuta per la triologia precedente, Divergent, ma dopo qualche anno, la scrittrice americana Veronica Roth esce in libreria con Carve the Mark – I predestinati (Mondadori, pagg. 427, € 15,90), un nuovo romanzo, il primo di un dittico, che ancora una volta è ambientato in un mondo distopico, in questo caso, molto simile all’universo di Star Wars, dove poteri soprannaturali, ma anche l’amore e i legami familiari, avranno il sopravvento, per un’avventura emozionante ed intensa.

Ambientato in una galassia sconosciuta, i protagonisti del fantasy sono Cyra, sorella del brutale Ryzek, tiranno che regna sul popolo shotet, la quale ha un potere che però le provoca dolore, usato dal fratello per torturare i nemici e Akos, figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l’unico pensiero di Akoz è liberarlo e portarlo in salvo.
Nel momento in cui il ragazzo, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli ad una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l’un l’altro.

Lotta alla sopravvivenza, lotta contro il potere oligarchico, legami che si modificano, altri nuovi che si creano, il tutto mosso da un’energia straordinaria, Carve the Mark – I predestinati è un racconto sul potere, l’amicizia e l’amore in un universo che trasporta il lettore più di tre metri sopra il cielo.

Composto da una moltitudine di mondi dalle caratteristiche peculiari e abitati da popolazioni con qualità differenti e uniche, questo macrocosmo è mantenuto in vita da un flusso continuo d’energia che permea ogni cosa, un pianeta dove esseri speciali, i predestinati, convogliano i loro poteri, ognuno a modo suo, per farlo funzionare.

Cyra e Akos sono dotati di due doni che si intrecciano fra loro, portandoli a condividere il destino: Cyra è attraversata da ombre, una manifestazione della corrente che provoca dolore sia a lei che a chiunque entri in contatto, Akos, invece, ha un fato che sembra scritto fin dal principio e la capacità di interrompere il flusso di corrente, compreso il dolore di Cyra.
A contrapporsi a loro, il villain della narrazione, Ryzek, fratello della ragazza, usata come arma di tortura per il personale desiderio di piegare gli abitanti e il loro destino, al suo volere.

Con un’ambientazione originale e suggestiva in cui nulla è lasciato al caso, Veronica Roth è riuscita a dar vita a dei personaggi con personalità forti e dalle mille sfaccettature, protagonisti affascinanti e dai poteri originali, ma soprattutto a mantenere viva l’eterna lotta fra Bene e Male.

Disperazione, l’essere disposti a fare qualsiasi cosa per ottenere quello che si vuole, sentimenti puri, altri più ragionati, il mondo di Carve the Mark – I predestinati, è un romanzo molto più complesso rispetto alle avventure di Tris e Quattro (Divergent), fatto di silenzi, di sofferenza interne, di momenti di riflessione, fenomeni misteriosi e lingue diverse.

Con una trama intricata e ben sostenuta, con una scrittura gradevole ed appassionante ed un finale aperto, che invoglia alla lettura, il libro della Roth, nonostante in alcuni punti riveli difetti di scorrevolezza, risulta appassionante e ricco di suspanse, adatto ad un pubblico adolescente.

Alice Bianco

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor