4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

“Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport veneto”

Homeeventi“Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport veneto”
la notizia dopo la pubblicità

“Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport veneto” con il Venezia FC e la Regione del Veneto.
Imparare divertendosi e rispettando l’avversario. È questo il primo insegnamento dello sport ed è la filosofia che ha dato vita al concorso “Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport veneto”, iniziativa promossa da Regione del Veneto, Unpli Veneto e Miur.

Una sfida all’ultimo tratto di matita che, anche in quest’anno scolastico, vedrà impegnati gli istituti secondari di primo e secondo grado e gli atleti tesserati di Associazioni Sportive venete affiliate a Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva del CONI Veneto e del CIP Veneto.

Un evento la cui quarta edizione è stata presentata oggi, allo stadio Penzo di Venezia, da Cristiano Corazzari, assessore allo sport di Regione del Veneto, e Giovanni Follador, presidente UNPLI Veneto, alla presenza di Andrea Tomaello, Vicesindaco del Comune di Venezia che ha portato il saluto della città.

«Carta Etica dello Sport è ormai un elemento di profondo significato – ha sottolineato in apertura Corazzari – perché trasmette i valori della condivisione, elemento fondante della società. Un valore condiviso anche dalla società sportiva di cui oggi siamo ospiti e che, grazie alla loro partecipazione, ci consentirà di rendere anche più importante il nostro messaggio».

Sarà infatti la compagine del Venezia F.C. il nuovo testimonial del concorso, come annunciato oggi in conferenza stampa dall’Assessore allo sport di Regione del Veneto. Anche l’edizione 2020-2021, come le precedenti, potrà dunque contare su testimonial d’eccezione: dopo la “divina” Federica Pellegrini, le “pantere” dell’Imoco Volley e i “bersaglieri” del Rugby Rovigo Delta, i ragazzi partecipanti al concorso potranno fantasticare sulle nuove avventure dei “leoni” del Venezia F.C. trasformando in appassionati fumetti i loro ruggiti in campo e nella vita.

Un’occasione particolare, come dimostrato dalla presenza di Duncan Niederauer, presidente del Venezia Football Club che, alla presenza della stampa, ha sottoscritto ufficialmente la Carta Etica dello Sport del Veneto: «Oggi è per noi un giorno speciale – ha esordito Duncan Niederauer – partecipare a questo progetto significa, infatti, essere più vicini alla città e alla regione. La Carta Etica dello Sport è molto importante per tutti, soprattutto per i nostri giocatori, ai quali sottolineiamo sempre l’importanza della loro eccellenza in campo alla quale deve, però, necessariamente corrispondere un’eccellenza fuori dal campo. Perché nello sport la vittoria è importante ma il rispetto del gioco e dell’avversario sono fondamentali. Iniziative come quella di oggi sono importanti perché significa investire nell’ambito civico, riportando alla luce i veri valori dello sport: imparare a vivere insieme».

«L’accoglienza che i ragazzi hanno riservato negli anni a questo concorso – ha quindi sottolineato Giovanni Follador, presidente UNPLI Veneto, braccio operativo del progetto – evidenzia quanto siano sentiti dai giovani temi quali etica, rispetto delle regole, appartenenza. Lo raccontano i numeri: 446 lavori pervenuti da 73 scuole 19 associazioni sportive nell’anno del lock down significa che i nostri ragazzi hanno ben presente cosa rappresentino i valori della Carta Etica dello Sport. Un progetto che ci rende particolarmente orgogliosi anche perché i valori dello sport messi nero su bianco nella Carta Etica sono gli stessi principi che animano il mondo di UNPLI e dei volontari. Il nostro grazie va quindi alla Regione del Veneto che, ancora una volta, ci ha rinnovato la sua fiducia per questa quarta edizione del Concorso».

«L’impegno di Regione del Veneto – ha concluso l’Assessore Corazzari – è ora quello di ampliare sempre più i sottoscrittori della Carta Etica dello Sport, che oggi, con la firma del Venezia F.C., raggiungono quota 544. Alla squadra e al suo presidente il mio grazie per essersi messi a disposizione del progetto; sono certo che, come per gli atleti già testimonial dell’iniziativa, il loro essere testimonial si tradurrà in grandi soddisfazioni, anche sportive»

IL BANDO

Partecipanti:

Ai bandi possono partecipare tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie del Veneto, ai corsi di Istruzione e Formazione presso gli Istituti Professionali di Stato e gli Organismi di Formazione Accreditati e a tutti gli atleti tesserati di età compresa tra gli 11 e i 19 anni di associazioni sportive del Veneto affiliate a Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva del CONI e del CIP.

Scadenza:

Gli elaborati prodotti dagli studenti, unitamente alla scheda di adesione al concorso, dovranno essere inviati in formato digitale entro e non oltre il 31 marzo 2022 a [email protected]

Commissioni di valutazione:

Tutti gli elaborati verranno esaminati da apposite Commissioni di valutazione, presiedute dal Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport e costituite da un rappresentante di CONI, CIP, MIUR e UNPLI. Partecipano alle Commissioni di valutazione anche un esperto in fumetti e un docente del settore grafico, entrambi individuati da UNPLI. I componenti della Commissione presteranno la loro attività a titolo gratuito.

Premi – Bando “Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport veneto”:

Per ogni ordine e grado d’istruzione verranno selezionati i primi tre elaborati ed assegnati premi in denaro alle classi vincitrici secondo le seguenti modalità:

· Categoria “scuole secondarie di primo grado”: € 1.000,00 al 1° classificato, € 700,00 al 2° classificato e € 500,00 al 3° classificato;

· Categoria “scuole secondarie di secondo grado, i corsi di Istruzione e Formazione presso gli Istituti Professionali di Stato e gli Organismi di Formazione Accreditati”: € 1.000,00 al 1° classificato, € 700,00 al 2° classificato e € 500,00 al 3° classificato.

· categoria “Associazioni Sportive”: € 1.000,00 al 1° classificato, € 700,00 al 2° classificato e € 500,00 al 3° classificato.

Premiazioni:

I vincitori dei concorsi saranno invitati alla cerimonia di premiazione ufficiale insieme ai Leoni di Venezia, cui spetterà l’onore di premiare i lavori e le classi più meritevoli.

Tutti i lavori premiati, insieme ad una selezione dei migliori comics realizzati, saranno inseriti nel libro che si aprirà con una speciale storia a fumetti di cui sarà protagonista il Venezia F.C. testimonial di questa edizione.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito
www.unpliveneto.it

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”