COMMENTA QUESTO FATTO
 

Carnevale di Venezia 2016: oggi presentazione con nuovo direttore

Il Carnevale di Venezia 2016 sarà un Carnevale con i veneziani, stando alle premesse, un carnevale che coinvolgerà tutte le varie città di Venezia e che sarà dedicato alle arti, ai mestieri e alle tradizioni della città.

Sarà questo il nuovo format di massima del primo Carnevale di Venezia organizzato dal nuovo direttore artistico della manifestazione, Marco Maccapani, presentato oggi agli operatori dell’informazione dal sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, alla presenza degli assessori al Turismo e al Commercio, Paola Mar e Francesca Guzzon, e ai vertici di Avm e Vela.

L’edizione del 2016, abbozzata oggi da Maccapani, inizierà il 23 gennaio per concludersi, come da tradizione, il 9 febbraio, martedì grasso; ma sarà, di fatto, vista la data molto bassa di inizio del Carnevale, una sorta di prolungamento con i festeggiamenti di Natale, che inizieranno ai primi di dicembre e che coinvolgeranno anch’essi tutto il territorio comunale.

“Il Carnevale – ha esordito il sindaco – è un evento culturale che esprime la voglia di libertà e quel senso di sarcasmo e di ironia che è in noi, ma è anche un importante evento economico per la nostra città e un momento di grande attenzione internazionale”. Ricordando le prime edizioni del Carnevale veneziano, quelle di Scaparro in particolare, Brugnaro ha evidenziato come allora la festa fosse davvero popolare e a Venezia confluissero anche le persone che venivano dai paesi vicini; nel tempo, ha annotato il sindaco, la manifestazione è diventata sempre più commerciale, allontanandosi via via dalla gente.

“Noi speriamo – ha continuato il primo cittadino – che da una crisi generale della città, possa invece nascere, anche grazie al Carnevale, un risorgimento veneziano, attraverso una festa semplice che però ha il sapore dell’onestà, e che potrà contribuire a rilanciare l’economia di Venezia. Il Carnevale – ha concluso il sindaco – è quasi un termometro di quanto saremo capaci di rilanciare l’economia col sorriso, con l’entusiasmo e la fiducia, poiché il mercato vive sulla fiducia e sul rispetto reciproco”.

Tra le novità annunciate, l’assenza del grande palco in Piazza San Marco, dove invece sarà possibile vedere al lavoro gli artigiani dei mestieri più antichi della città; e poi il divertimento all’Arsenale e molte sorprese che saranno annunciate più avanti. Il tutto nell’ottica di coinvolgere non solo Venezia ma anche le isole e la sua terraferma, con una visione turistica finalizzata sempre più a far vivere esperienze a chi viene in visita alla città e a sburocratizzare al massimo possibile le pratiche per gli operatori commerciali che vorranno contribuire, in vari modi, alla kermesse, come hanno evidenziato gli assessori Mar e Guzzon.

Il sindaco ha poi voluto ringraziare il nuovo direttore artistico per l’impegno che si è preso: “E’ una persona onesta e che si è fatta da sé, con grandi capacità e con competenze legate al mondo della moda, dell’estetica e della bellezza. Tutte cose – ha ribadito il sindaco – che ricordano le donne; e questa deve tornare ad essere una città a misura di donna”.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Infine, sul tema della sicurezza, Brugnaro ha ricordato il recente vertice in Prefettura e il clima di grande collaborazione da parte del prefetto, del questore e di tutte le forze dell’ordine, con il fine di avere più agenti a disposizione e un maggiore controllo di videosorveglianza per rendere la città ancora più vivibile anche durante i momenti di festa.

(foto: il nuovo direttore artistico del Carnevale di Venezia Marco Maccapani tra Piero Rosa Salva e il sindaco Brugnaro alla presentazione di oggi).

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here