Carnevale di Venezia: Irene Rizzi la Maria dell’anno 2015

ultimo aggiornamento: 17/02/2015 ore 15:25

259

Ha 18 anni, è di Dese, è studentessa al liceo scientifico Stefanini di Mestre. Carnevale di Venezia: Irene Rizzi è stata eletta Maria dell’anno 2015. La nomina è avvenuta ieri sera, lunedì 16 febbraio 2015, al termine della cena di gala nel salone delle feste a Ca’ Vendramin Calergi sede del Casinò di Venezia. La giuria ha scelto il nome di Irene tra le 12 ragazze che avevano superato la prima selezione tra decine di giovani di tutta la provincia di Venezia che si erano iscritte al concorso.

Come Maria dei Lettori del Gazzettino, storico partner del concorso riportato alla ribalta dal compianto Bruno Tosi, è stata, invece eletta, Elisa Canese, 20 anni di Campalto, studentessa di psicologia.

A consegnare la fascia di Maria dell’anno a Irene Rizzi è stata la madrina del concorso Regina Schrecker, stilista e imprenditrice di Alta Moda Italiana, assieme al direttore artistico del Carnevale Davide Rampello e all’amministratore unico di vela Piero Rosa Salva. La fascia di Maria dei lettori del Gazzettino è stata, invece, consegnata ad Elisa Canese dal direttore del quotidiano del Nordest Roberto Papetti.


Le dodici Marie erano vestite con i costumi dell’Atelier Pietro Longhi con acconciature a cura dell’hairstylist “Monika e Umberto” e truccate da Francesca Chiozzotto per “Monika e Umberto”. La giuria che ha scelto la più bella del 2015 era composta quest’anno dalla stessa Regina Schrecker, e poi Gabriella Belli, Direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia, Lorenza Lain, General Manager dell’Hotel Cà Sagredo, Gloria Rogliani, Campionessa di voga alla veneta, Rita Del Mul, Direttrice strategy di Telecom Italia- Future Centre di Venezia, Serena Menegazzi – Maria del 2005, Davide Rampello, Direttore artistico del Carnevale di Venezia, Roberto Papetti, Direttore “Il Gazzettino”, Gianluca Seguso, Azienda Seguso, Alberto Sonino, Campione di vela e imprenditore, Giovanni Vindigni, Editore.

Irene Rizzi ed Elisa Canese hanno vinto i due titoli ma in gara c’erano anche Elena Caterina Buso, 22 anni di Strà, Beatrice Carraro, 18 anni di Mestre, Margherita Dal Col, 19 anni di Spinea, Alexa Draganic, 20 anni di Noventa di Piave, Gioia Gasparini, 18 anni di Mestre, Valentina Manfreda, 25 anni del Lido di Venezia, Silvia Moffa, 18 anni di Mestre, Martina Morucchio, 19 anni di Campalto, Agnese Piva, 20 anni di Marghera, Lucrezia Valeri, 21 anni di Mestre.

Irene Rizzi, oltre ad un viaggio in crociera per due persone, con il titolo di Maria dell’anno 2015 si è garantita di essere l’Angelo che volerà dal campanile verso piazza San Marco nella seconda domenica dei festeggiamenti del Carnevale 016, ruolo che quest’anno era toccato a Marianna Serena, Maria del 2014 presente per un simbolico passaggio del testimone anche lunedì sera a Ca’Vendramin Calergi.


Irene Rizzi rivive così i momenti della incoronazione a Maria del 2015 e racconta un po’ se stessa, i suoi sogni, la sua vita.

«Prima della proclamazione e prima che il direttore Davide Rampello pronunciasse il nome di chi aveva vinto mi ero messa come a scuola quando il professore sta per interrogare: sguardo basso, un po’ per timore di essere chiamati fuori per l’interrogazione. Poi ho sentito Irene Rizzi e mi è venuto subito da piangere. Non ci credevo davvero in questo titolo».

Fotografie, tante foto, la gioia della vittoria e poi il film dei 10 giorni di sfilate per Venezia che ti passano davanti. «La prima persona che ho chiamato dopo i festeggiamenti è stata mia mamma Emanuela: non ci credeva, credeva la prendessi in giro. E poi, però, quando sono riuscita a convincerla che non era uno scherzo ha iniziato ad urlare assieme a me. Una volta a casa ho invece ripensato a tutto quello che era successo. E mi sento di dire che questa è un’esperienza che tutte le ragazze della mia età dovrebbero fare. Sono stati 10 giorni intensissimi, ho conosciuto persone fantastiche e soprattutto ho apprezzato questa città in maniera diversa come mai avevo fatto prima. I nonni da parte di mamma erano veneziani doc, stavano in campo Santa Margherita. Mi sento quindi come aver riempito un vuoto che avevo e aver tenuto un filo con la storia della mia famiglia. Una sera siamo andate a mangiare in un ristorante, al Graspo De Ua, e proprio là mio nonno aveva lavorato»

18 anni, studentessa del quarto anno al liceo Stefanini di Mestre, Ierene Rizzi cosa sogna per il suo futuro?

«Ho due sogni nel cassetto, due cose diverse ma, chissà, forse realizzabili. Il primo è quello di terminare il percorso di studi superiori, raggiungere la maturità e poi iscrivermi alla facoltà di fisica. Il secondo è quello di lavorare nel campo della moda. In questi giorni di sfilate, serate e apparizioni in pubblico mi sono accorta che dopo un po’ di timore iniziale poi mi piaceva un sacco stare tra la gente, sorridere alla gente e poi passeggiare con questo vestito meraviglioso».

Irene descritta da Irene chi è?

«Sono una persona semplice, testarda, ambiziosa, un po’ permalosa forse ma solare, sorrido sempre e forse questo mi ha anche un po’aiutato».

Ora ancora bagno di folla e poi il pensiero al volo dell’Angelo del 2016 quando sarà lei a dover scendere dal campanile. «Sì è una delle prime cose a cui ho pensato dopo l’elezione. Ma c’è tempo. Detta così e visto dalla piazza mentre scendeva Marianna dico che non mi fa paura. Anzi, Credo si provi una sensazione bellissima e sì, non vedo l’ora che questo anno passi presto pe provare questa emozione».

Di solito i successi si dedicano a qualcuno. Tu a chi hai pensato di farlo? «Ai miei genitori, a mamma Emanuela e papà Roberto. Senza ombra di dubbio»

Carnevale di Venezia: Irene Rizzi è la Maria 2015, simbolo della kermesse famosa in tutto il mondo.

carnevale di venezia maria 2015 LONG

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here