venerdì 21 Gennaio 2022
7.4 C
Venezia

CARLO GOLDONI & GIORGIO: FAR RIDERE CON INTELLIGENZA

HomeSpettacoloCARLO GOLDONI & GIORGIO: FAR RIDERE CON INTELLIGENZA

carlogiorgio.jpg

Carlo D'Alpaos e Giorgio Pustetto, due artisti a cui bisogna essere grati.
Grati perchè se i risultati della loro maturità  artistica ci fanno divertire, si intuisce che sono i frutti di un lungo lavoro formatosi con anni di sperimentazioni e studio.
Si, perchè di maturità  artistica si deve parlare, ora che hanno dimostrato il coraggio di esplorare nuovi terreni.

Non è mai facile per un artista lavorare per il futuro, anticipare i gusti, la gente. E' rischioso: proporre gli schemi conosciuti che il pubblico ama con il rischio di stancare, o esplorare altri orizzonti con il pericolo che il nuovo piaccia meno e magari la gente resti delusa perché si aspetta quello che conosce?
La genialità  di "Carlo, Goldoni e Giorgio", il loro ultimo spettacolo, fa appunto quadrare il cerchio: innesta situazioni nuove, rivolgendosi nientemeno che al teatro classico, facendo riaffacciare i tic, le gag, che il pubblico vuole rivedere perchè ama profondamente.
Cento minuti d’un fiato in questo equilibrio perfetto, senza mai scadere nel già  visto, nella banalità  o nella volgarità , facile trampolino per risate grossolane che Carlo & Giorgio lasciano volentieri ad altri.

Lo spettacolo propone una lettura da due angolazioni: che sfacelo troverebbe Carlo Goldoni se tornasse in una Venezia dei giorni nostri? Ovvero: come si troverebbero “Giancarla e Sergio” ad interagire con i personaggi di una commedia Goldoniana?

Questo e molto altro, con riferimenti all’attualità  (Calatrava, Mose, acqua alta) perché “... in ogni battuta c’e’ sempre un fondo di verità  che ci fa riflettere...” come ci hanno confidato i due nell’intervista a fine spettacolo.

E la gente apprezza. Continua ad apprezzare talmente che lo spettacolo, dopo la recente programmazione al Teatro Goldoni di Venezia, stasera va in scena al Toniolo di Mestre con il terzo “tutto esaurito” consecutivo, nonostante si fosse aggiunta in fretta una data supplementare (biglietti bruciati in pochissimo tempo anche per quella) a fronte delle troppe richieste.

Paolo Pradolin

[Per ascoltare l'intervista gentilmente concessa da Carlo e Giorgio (è consigliabile fermare il player della radio) clicca qui ]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità