Mestre, controlli carabinieri in attività cinesi: chiuso bar e centro estetico

ultimo aggiornamento: 29/05/2015 ore 17:19

182

carabinieri chiudono attività cinesi mestre

Nell’ambito del programma di verifiche agli esercizi pubblici posto in essere dai Carabinieri della Compagnia di Mestre unitamente al personale del N.A.S. (Nucleo Anti Sofisticazioni e Sanità) di Treviso e al N.I.L. (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Venezia, in tutto il comprensorio mestrino, nella mattinata di mercoledì, è stata effettuata un’attività di controllo sul “lavoro nero” e sulla normativa igienico – sanitaria presso alcune attività commerciali del centro, gestite da cittadini di origine cinese.
Nel corso delle verifiche, che hanno riguardato la salubrità dei locali, lo stato di conservazione degli alimenti e bevande somministrate e la funzionalità dei macchinari, nonché il regolare impiego del personale sono state elevate una lunga e variegata serie di sanzioni amministrative in particolare a carico del titolare del bar Youlan di Mestre e di un “centro estetico” di Marghera .
All’interno del primo esercizio, situato in via Circonvallazione, i militari hanno accertato – a seguito del controllo della documentazione prevista dalla normativa vigente – che il gestore del bar si era reso responsabile di una serie di violazioni di carattere penale, omissioni e carenze sia sotto l’aspetto igienico-sanitario che dell’impiego del personale, tali da comportare una sanzione di duemila Euro.
In particolare a carico del titolare di origine cinese sono state elevate sanzioni amministrative per la non corretta applicazione degli standard sanitari HACCP e per non aver provveduto ad un’adeguata formazione del personale in materia di sicurezza.

Per l’auto-proclamato “centro estetico”, di Marghera, oltre alla denuncia penale per il titolare per le medesime violazioni sulla sicurezza, alla quale si è aggiunta la prevista sospensione dell’attività per la mancanza della figura professionale necessaria all’esercizio del centro estetico, ovvero: l’estetista. Anche in questo caso pesantissime le sanzioni amministrative.
Le attività di accertamento, su tutto il territorio di competenza, ed in particolare nel centro città, proseguiranno nei prossimi giorni.


29/05/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here