6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Una bussola per i diritti nei nuovi decreti penitenziari

HomesocietàUna bussola per i diritti nei nuovi decreti penitenziari
la notizia dopo la pubblicità

Rivolta nel carcere di Padova ieri
Sono trascorsi quattro anni dall’ammonimento imbarazzante della Corte europea dei diritti umani che ha bocciato il sistema carcerario italiano, ritenendolo disumano per le condizioni umilianti di degrado offerte a chi deve scontare una pena in carcere.

Incalzato dalla spinta e dal lavoro quotidiano degli esponenti del mondo Radicale, di Marco Pannella, Emma Bonino, Marco Cappato e del mondo del volontariato, il ministro Andrea Orlando ha voluto ottemperare al rispetto dell’Articolo 3 della Convenzione della Corte di Strasburgo del 1950 che proibisce la tortura e i comportamenti inumani degradanti, come quello di vivere in spazi troppo ristretti per lungo tempo e di non essere tutelato nel caso di violazione dei diritti del recluso.

Alla fine del 2010 i detenuti nelle nostre carceri sono 68mila e il sovraffollamento supera il tasso del 170%, anche a causa della legge Bossi Fini sull’immigrazione in primis, poi la Fini Giovanardi sulle droghe e infine la Cirielli sulla recidiva.

Di fronte ad una situazione insostenibile con persone costrette a vivere ammucchiate in cella, l’associazione Antigone aiuta i detenuti a prendere coscienza della loro condizione e dei loro diritti e a presentare ricorso alla Corte europea, mentre si muovono altre associazioni come Non c’è Pace Senza Giustizia e il meritorio contributo della Rivista Ristretti Orizzonti di Padova, di Radio Carcere e di Rita Bernardini che da anni seguono e denunciano ingiustizie e violazioni e lavorano per il raggiungimento di condizioni di civiltà verso chi sta scontando una pena.

Oggi sono 58mila i reclusi nei 190 istituti penitenziari , ottomila in più di fine 2015 (grazie ad una serie di depenalizzazioni), quindi il sovraffollamento attuale corrisponde al 116%, meglio del 170%, ma ancora insufficiente per il rispetto dei criteri di Strasburgo.

Che cosa succederà ora? I decreti sono stati approvati e dovranno assumere la giusta dimensione e studiarne l’applicazione e i tempi di realizzazione. I temi della Riforma sono il rilancio delle misure alternative, l’assunzione di personale debitamente ‘formato’ e di oltre 300 assistenti sociali. Il superamento dell’ergastolo ostativo, l’intensificazione e i rapporti fra dentro e fuori il carcere, il lavoro, l’affettività, i legami, l’uso delle tecnologie, la trasformazione degli istituti penitenziari per minori in dipartimenti a indirizzo pedagogico e educativo.

La realizzazione di case ( Icam – come quella di Milano voluta dall’ex assessore Francesca Corso, modello riconosciuto e imitato in Europa) per le donne detenute con bambini piccoli, perché è inconcepibile pensare a bambini in carcere e indecente che sia stato possibile ed è ancora così in tante situazioni.

La ricostruzione dentro questi decreti difesi allo strenuo dal ministro Andrea Orlando che ha avuto il merito di resistere alle pressioni di segno diverso, appoggiato dal senatore Luigi Manconi e deputati democratici ( da più pene, più rigore, a buttiamo via le chiavi), purtroppo dichiarate da esponenti del Parlamento della Repubblica, annuncia una nuova bussola che dovrebbe segnare i diritti, la dignità, perché l’uomo rimane sempre un uomo, anche quando sconta i propri errori in carcere.

E quando da un istituto penitenziario esce un uomo, una persona migliore, anche noi diventiamo migliori, aumenta la percezione di civiltà che appartiene al nostro essere e sentirci umani.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?