COMMENTA QUESTO FATTO
 

Brugnaro: pulizia, sicurezza e stop ai negozi di kebab a Venezia

Anche Venezia, come Firenze, metterà un ‘freno’ alla proliferazione di negozi di kebab, paccottiglia a basso costo, minimarket di prodotti scadenti che stanno invadendo il centro storico. Lo ha annunciato il sindaco della città lagunare, Luigi Brugnaro, che sta approfondendo la questione.

“Certi ciarpami, materiali dei quali in certi casi non si conosce bene la provenienza, mal si conciliano con la città” ha detto il sindaco. “Sono cose – ha aggiunto – che non c’entrano nulla con la nostra storia e che, francamente, creano disagio. A Firenza è stato fatto un lavoro di regolamento commerciale che io condivido”.

Brugnaro ha poi ricordato che negli scorsi anni “sono state fatte delle leggi che liberalizzavano tutto, senza una logica, e che non hanno dato grandi frutti. Venezia sceglierà la qualità, lo ha fatto Firenze che ha la sua particolarità. Noi abbiamo la nostra. Vogliamo puntare ad un livello alto, che non vuol dire di reddito, ma di comportamento”.

“Le donne in questa città devono girare sicure; non si lascia la sporcizia per terra”, ha proseguito Brugnaro allargando il discorso al tema della sicurezza e del decoro urbano. “Certo il maleducato c’è sempre. Noi – ha concluso – chiediamo alla città e la città si sta muovendo. C’è tanto lavoro da fare e abbiamo bisogno della collaborazione di tutti”.

21/01/2016

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here