Brugnaro: “Zappalorto non ha colpe per anni di inefficienza”

ultimo aggiornamento: 20/06/2015 ore 17:04

111

brugnaro sindaco stop centri sociali
Luigi Brugnaro, neo sindaco di Venezia, ha detto di non aver ancora sentito il suo rivale al ballottaggio, Felice Casson.
“Al telefono – ha spiegato – non l’ho ancora sentito, ma devo dire di aver ricevuto più di cinquecento messaggi che non ho ancora letto. Non importa, comunque: lo chiamerò io, perché, pur capendo che sia amareggiato, mi auguro che possa comunque essere vicino alle necessità della città nella sua posizione al Senato”.
A Casson Brugnaro ha rinnovato i “complimenti per una campagna elettorale all’insegna del fair play, che ha consentito alla città di scegliere. E Venezia ha scelto un futuro di progresso, lavoro e dignità per tutti”.
Quanto alla sua amministrazione, il nuovo sindaco di Venezia ha spiegato che “stiamo lavorando in silenzio, perché adesso bisogna prendere in mano la macchina del Comune per riorganizzarla, dal momento che ritengo che, prima di parlare, bisogna capire. Ci aggiorneremo nei prossimi giorni”.
Poi, però, ha spiegato che “voglio fare un governo collegiale, riattivando i tavoli di concertazione, che sono previsti dallo Statuto del Comune. Come detto in campagna elettorale, faremo cioè intervenire la gente”.
Riguardo al ruolo nel nuovo assetto del Comune di Venezia di Gian Angelo Bellati, il candidato sindaco appoggiato al primo turno dalla Lega, Brugnaro ha rilevato di avergli proposto il ruolo di vicesindaco “e penso che Bellati ci stia riflettendo. Direttore generale? Direi di no, perché, secondo me, questa figura deve essere coperta da un tecnico”.
Quanto alla Giunta, Brugnaro ha parlato di una “nuova filosofia di organizzazione degli assessorati, legata alla trasversalità. Bisogna mettere insieme i problemi degli ultimi con i problemi del progresso”.
Brugnaro ha rivelato di aver sentito ieri sera anche il ministro Dario Franceschini. “Mi ha fatto i complimenti – ha detto – e mi ha assicurato che ci sarà forte coesione nel fare le cose”.
Il nuovo sindaco, dopo aver commentato con una battuta il fatto che la prima uscita ufficiale potrebbe accogliere Michelle Obama, nei prossimi giorni in visita privata a Venezia (“Vuol dire che porto fortuna…”), ha anticipato alcuni temi sulla conferenza stampa congiunta di questo pomeriggio con il commissario uscente Zappalorto. “Ha fatto alcune scelte che possono o meno piacere – ha sottolineato – ma ha chiuso anche un bilancio che possiamo comunque ritoccare. Non trovo quindi giusto che si scarichi sul commissario l’inefficienza di anni di amministrazione. Ed è giusto che adesso ci tiriamo tutti su le maniche”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here