Brugnaro ‘Ecco la mia Giunta, scelti per talento e competenza’

ultimo aggiornamento: 30/06/2015 ore 08:36

120

(clicca sulla foto per ingrandirla)
giunta comune venezia brugnaro LLARGE
Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha presentato i componenti della nuova Giunta comunale.
Simone Venturini, 27 anni di Marghera, sarà assessore alla Coesione sociale, Sviluppo economico, Grandi infrastrutture, Rapporti con il Consiglio comunale, Lavoro e Coordinamento con gli assessori;
Francesca Zaccariotto, 53 anni di Jesolo, avrà le deleghe ai Lavori pubblici, a Gare e contratti, Espropri e Arredo urbano;
Renato Boraso, 47 anni di Favaro, Mobilità e trasporti, Viabilità e piano del traffico, Gestione del patrimonio;
Michele Zuin, 49 anni del Lido, Bilancio, Bilancio partecipativo, Tributi, Economato, Società partecipate;
Paolo Romor, 44 anni di Castello, Risorse umane, Politiche educative, Avvocatura civica, Semplificazione amministrativa, Prosindaco del Lido;
Massimiliano De Martin, 51 anni di Mestre, si dimetterà da presidente dell’Ordine dei geometri per assumere le deroghe all’Urbanistica, all’Edilizia privata, all’Edilizia convenzionata, all’Ambiente e alla Città sostenibile;
Rossana Pavan, 42 anni di Mira, assessore al Commercio, alle Attività produttive, all’Artigianato, Pubblici esercizi;
Giorgio D’Este, 48 anni di Zelarino, Sicurezza, Polizia municipale, Protezione Civile;
Paola Mar, 52 anni, di Zelarino, Turismo, Toponomastica, Decentramento e Rapporti con le Municipalità.

“Oggi comincia il nuovo governo della Città, che sarà umile e coraggioso”.
Così, il Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha esordito nella sala consiliare di Ca’ Farsetti, nella conferenza stampa di presentazione della nuova Giunta comunale.
“Ringrazio gli assessori e ringrazio anche tutte le persone che stanno dando la loro disponibilità a lavorare nei tavoli di consultazione. Noi abbiamo un’idea di delega partecipativa e democratica, perché la partecipazione è libertà”.
Brugnaro ha spiegato di aver scelto i componenti della Giunta “con riguardo al criterio del talento e della competenza, in piena libertà. Desideriamo un governo della Città che sappia coniugare l’aspetto tecnico relativo al funzionamento della macchina, con quello politico relativo alla vicinanza con i cittadini”.

La nuova Giunta comunale di Venezia si è presentata con un’ora di ritardo alla conferenza stampa, inizialmente fissata per le 14.30. “E’ perché abbiamo appena svolto la prima seduta”, ha spiegato il sindaco, Luigi Brugnaro, dichiaratosi poi “un po’ emozionato, perché, da oggi, inizia il nuovo governo della Città, che sarà umile e coraggioso”.
Il sindaco, che ha mantenuto per sé tutte le deleghe non assegnate agli assessori (comprese Cultura e Rapporti istituzionali) ha quindi ringraziato “chi ha dato la propria disponibilità a lavorare nei prossimi anni sul territorio nei tavoli di consultazione, fungendo da nostro ‘orecchio a terra’. Perché la nostra idea di delega è che debba essere partecipativa e democratica, sulla base del concetto che partecipazione sia libertà”.
“I cittadini – ha proseguito Brugnaro – ci hanno dato una fiducia che ci pesa sulle spalle e vogliamo rispondere al patto con loro. In piena libertà, abbiamo sempre fatto riferimento a talento e competenza, pensando che il miglior Governo coniughi aspetti tecnici e operativi con quelli prettamente civici e politici”. “La nostra azione – ha concluso il sindaco – sarà visibile e modificabile, se sbaglieremo, con spirito di umiltà e coraggio”.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here