COMMENTA QUESTO FATTO
 

Botte da orbi tra ragazzine a Venezia, erano borseggiatrici il lite per il territorio
Botte da matti tra due giovanissime, che qualcuno ha riconosciuto come borseggiatrici, l’altra sera in campo San Maurizio a Venezia.

Pesante la violenza e ancor più preoccupante, se si pensa che una di loro è incinta, ed è proprio questa ad aver avuto la peggio con una bottiglia rotta sulla testa. Increduli, impauriti i passanti e i turisti che hanno assistito alla scena e chiamato subito le Forze dell’Ordine e i soccorsi: al che le ragazze sono fuggite tra calli e campielli.

I toni della lite, le urla, hanno richiamato una donna che lavora al Museo della Musica, è uscita e ha assistito ad una violenza indicibile, con sangue e vetri a terra.

E’ lei ad averle riconosciute come delle abitudinarie frequentatrici del campo con consolidate esperienze di borseggio, da qui si è pensato che la lite riguardasse il predominio di una di loro su quel territorio.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Il responsabile del Museo della Musica Robert De Pieri, sa che in quel campo e nella zona tra San Moisè e Santa Maria del Giglio, le borseggiatrici sono attive, ma ricorda anche che si tratta di minorenni, che spesso vengono a riposare sulla scalinata della chiesa o sui ponti, e che quindi l’intervento nei loro confronti dovrà tener conto di questo elemento: c’è evidentemente un problema di sfruttamento e bisognerebbe individuare e punire i responsabili.

Il famoso gatto che si morde la coda riguarda l’orda turistica, che attira per ovvie ragioni chi vive di espedienti, nella marginalità e approfitta della confusione per rubare.

Il conflitto e la violenza tra le due giovani ha registrato la realtà di non facile lettura, che merita una presa in carico responsabile di fatti come questi, interrogandosi sul come prevenirli e rimuoverli dall’isolamento in cui crescono e prolificano.

Andreina Corso

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here