martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Borseggiatori a Venezia all’opera. Fermati due romeni

HomeSicurezzaBorseggiatori a Venezia all'opera. Fermati due romeni

Borseggiatori a Venezia all'opera. Fermati due romeni

Borseggiatori a Venezia in piena attività in questi giorni di Carnevale anche se i servizi predisposti dalle forze dell’ordine sono attenti e ne fanno finire qualcuno nelle mani della giustizia.

In questi giorni, ad esempio, la stazione ferroviaria di Venezia e gli esercizi commerciali circostanti diventano una sorta di crocevia, interessato da un grande flusso di persone che da qui si spostano poi agevolmente verso il centro storico.

La massiccia presenza di turisti richiama i borseggiatori che, in questa situazione, vedono aumentare sensibilmente le probabilità di concretizzare furti di portafogli e bagagli, approfittando della confusione e della disattenzione delle persone immerse nell’atmosfera di festa che respirano.

Il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, per far fronte a questo fenomeno, ha potenziato significativamente i servizi di contrasto ai borseggiatori, prevedendo l’impiego di agenti specializzati in modo tale da poter individuare immediatamente la presenza in stazione e nelle aree circostanti di soggetti sospetti, che per il loro modo di agire, diano l’impressione di essere borseggiatori in attesa di cogliere il momento più propizio per perpetrare il loro reato.

E’ così che, nel primissimo pomeriggio di ieri, non sono sfuggiti agli occhi attenti dei poliziotti Polfer un uomo e una donna, che nei pressi di un fast food, si muovevano con fare sospetto tra i turisti, guardando con ingiustificata attenzione zaini e borse.

Seguiti a distanza dagli agenti, i due venivano visti entrare all’interno del locale e accodarsi a due turiste orientali, con zainetti in spalla in coda alle casse. A questo punto, servendosi di una piantina della città per nascondere i movimenti, e orchestrandosi con la compagna, il giovane borseggiatore apriva lo zaino di una delle turiste e ne sottraeva un oggetto che prontamente passava alla complice, che lo riponeva nella propria borsa.

L’uomo infilava nuovamente la mano e provava ad estrarre dallo zaino della turista il portafoglio, ma era costretto a lasciarlo ricadere nelle borsa perché l’amica della vittima si voltava.

In quel frangente, il personale Polfer interveniva, fermava i due borseggiatori e li accompagnava nei vicini uffici della Polizia.

I due ladri venivano identificati per due cittadini romeni, Z..R. di 27 anni e I.R. di 31; nella borsa della donna veniva rinvenuto un cappello di proprietà della turista orientale.

Solo il pronto intervento dei poliziotti aveva impedito alla coppia di sottrarre anche il portafoglio della stessa.

Alla luce di quanto sopra, perciò, i due stranieri venivano denunciati in stato di libertà per furto aggravato e consumato in concorso.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.