20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Bonucci perdonato per il tweet “Sciacquatevi la bocca”, ma non deve più capitare

HomeCalcioBonucci perdonato per il tweet "Sciacquatevi la bocca", ma non deve più capitare

Bonucci e il tweet "Sciacquatevi la bocca"

Gabriele Oriali è stato chiaro: «Ogni qualvolta i giocatori varcano il cancello di Coverciano devono dimenticare le tensioni del campionato».
Bonucci e il suo tweet “Sciacquatevi la bocca” ha invece sconquassato la Nazionale.
Il match winner di Juventus – Roma nella notte tra lunedì e martedì aveva postato su Twitter e Instagram la foto dell’esultanza con l’antipatico messaggio accompagnandolo anche da un: «Sino alla fine forza Juve, vincere è l’unica cosa che conta». Parole non proprio eleganti viste tutte le polemiche che sono seguite sull’arbitraggio.

Conte era stato altrettanto chiaro: «In Nazionale non si parla di campionato, siamo qui per preparare bene le partite con Azerbaigian e Malta» e Bonucci conosce le regole, ma non ha resistito. Così il tecnico, appena saputo dell’accaduto, ha ripreso duramente il difensore, che ha chiesto scusa.
Oriali poi, in conferenza stampa, ha ribadito il concetto davanti al diretto interessato: «Quella di Leonardo è un’uscita improvvida e infelice. C’è un regolamento non scritto che vale e non può essere violato. Accettiamo le scuse di Bonucci che ha capito di aver sbagliato, ma certi episodi non devono più succedere».
Bonucci ha abbozzato un sorriso nervoso e si è adeguato, consolato dal fatto che non lascerà il gruppo, come in un primo momento si era temuto.

Bonucci resta, ma da qui in avanti nessuno dovrà più sbagliare. Chi lo farà, tornerà a casa, e il timore riguarda soprattutto i comportamenti di Balotelli, che qui non c’è, ma prima o poi potrebbe arrivare ed è uno che di Twitter fa largo uso. Conte, tra l’altro, abituato a valutare bene tutte le variabili, non può essere meno che infuriato, visto che Bonucci ha twittato il messaggio dopo la mezzanotte, quando in teoria un giocatore in ritiro dovrebbe pensare a dormire.

Bonucci e il tweet “Sciacquatevi la bocca” che ha sconquassato la Nazionale ha comunque alimentato il malumore tra i tifosi romanisti, già poco sereni per l’andamento della partita a causa delle decisioni di Rocchi.
A buttare acqua sul fuoco ci ha provato Pallotta, numero uno giallorosso: «Dovremmo fare tutti un respiro profondo e calmarci un po’. Il calcio è un gioco che va a mille all’ora e a volte emergono errori e controversie: questo è un discorso valido per tutti. In fondo siamo due grandi squadre e ci avviamo verso una rivalità che durerà a lungo: questo non può che essere un bene per il calcio italiano. Saremo sempre orgogliosi della nostra squadra».
Ma non tutti i tifosi giallorossi hanno apprezzato qualla che sembra una ‘calata di braghe’ dopo i fatti di domenica, come dire: oltre al danno, la beffa.

Roberto Dal Maschio

08/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.