Dissequestrato B’n’B a luci rosse di proprietà di magistrato

ultimo aggiornamento: 17/10/2016 ore 20:06

203

Dissequestrato B'n'B a luci rosse di proprietà di magistrato

Dissequestrato il B’n’B a luci rosse di proprietà del magistrato di Cassazione che aveva raggiunto gli onori delle cronache qualche mese fa.

Il pm di Lecce Maria Vallefuoco ha infatti disposto il dissequestro dell’immobile di proprietà di Giuseppe Caracciolo, il 58enne leccese consigliere di Cassazione, indagato per favoreggiamento della prostituzione assieme alla sua compagna, un’ex poliziotta brindisina.

L’attività illecita si sarebbe svolta in quell’immobile del centro di Lecce di proprietà del magistrato, in parte adibito a B&B, e da Caracciolo dato in affitto ‘in nero’ a giovani romene.

Secondo il pm, come si legge nella motivazione, il tempo trascorso dal giorno dell’esecuzione della misura e la personalità dell’indagato, fanno oggi venir meno le esigenze cautelari che invece quattro mesi fa avevano imposto l’adozione della misura.

Giuseppe Caracciolo ha sempre negato ogni coinvolgimento nella vicenda, così la notizia del dissequestro è stata accolta con soddisfazione dal difensore del magistrato, David Brunelli, secondo il quale, nel corso dell’incidente probatorio, le ragazze coinvolte nella vicenda sarebbero cadute più volte in contraddizione.

I fatti risalgono allo scorso luglio quando gli agenti della Squadra Mobile, sulla base di alcune segnalazioni, eseguirono il sequestro preventivo dell’appartamento.

L’immobile – secondo l’accusa – era stato concesso in affitto dall’indagato, consapevole dell’attività di prostituzione, a giovani donne romene in cambio di un canone di locazione ‘in nero’ (da pagare in contanti) superiore a quello di mercato proprio perché destinato al meretricio.

Laura Beggiora | 17/10/2016 | (Photo: repertorio, non relativa all’articolo) | [cod alilave]

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here