1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Zaia: «Vaccini, defezioni oltre il 50%»

Homevaccino AstraZenecaZaia: «Vaccini, defezioni oltre il 50%»
la notizia dopo la pubblicità

Il Veneto in zona rossa da oggi, lunedì 15 marzo: attività e famiglie in difficoltà per le chiusure e la didattica a distanza totale. «Le restrizioni arrivano dal Comitato tecnico-scientifico – dice il presidente della Regione Luca Zaia – Il parametro dell’ingresso in zona rossa è stato rifissato dal nuovo governo e dovrebbe durare due settimane. Certo, vanno garantite tutte le misure e le mitigazione del caso. Non ci si può attendere un bonus baby sitter di 100 euro».

Le scuole avrebbero dovuto essere oggetto di verifica, almeno fino al nuovo Rt a 1,28 misurato in Veneto (prima della ridefinizione a 1,25 del Comitato per il passaggio in automatico in rosso e le chiusure di tutti i gradi dell’istruzione). È la prima volta dopo un anno che vengono fermate tutte le scuole. «Ci siamo battuti per l’inserimento del congedo parentale – dice Zaia – E comunque la politica delle restrizioni non si può portare avanti all’infinito. Ma guardo anche la Germania, che è al terzo lockdown, o il Portogallo, che è al secondo, e alle morti negli Stati Uniti della prima ondata. È rispettabile la posizione di chi dice “voglio essere libero”, non di chi nega l’esistenza del virus».

La notizia brutta è che la procura di Biella ha bloccato un ulteriore lotto di AstraZeneca (lotto piemontese 5811). «Il vaccino è libero – dice Zaia – Fate quello che volete. Ma la comunità scientifica ha comunicato che non vi è evidenza scientifica sui milioni di vaccini somministrati nel mondo. Dobbiamo pensare che abbiamo ad oggi 100 ospiti delle case di riposo contagiati, grazie ai vaccini, rispetto ai 3.500 della prima ondata».

Il lotto veneto ritirato era di 41.300 dosi, di cui ne sono state usate 20.952 e ne restano 20.348: è il blocco AZ 5811. Le uniche Ulss escluse dal lotto incriminato sono state la scaligera e quella delle Dolomiti. Ne arriveranno altre dosi, ma questo blocco del lotto intanto costituisce un danno per la campagna vaccinale. Zaia bacchetta chi non disdice l’appuntamento della somministrazione di vaccino. «Abbiamo dovuto estendere l’invito a chiunque per utilizzare le dosi, non potevamo di certo buttarne via migliaia, visto che le defezioni sono state di oltre il 50%». Lunedì mattina sono state convocate categorie economiche e sindacali per il protocollo di vaccinazione aziendale dall’assessore regionale alla Sanità Manuela Lanzarin, che dovrebbe partire e metà aprile. Nel piano nazionale è previsto che queste vaccinazioni vadano avanti in parallelo con le coorti di età.

I dati danno ad oggi più di 355 mila contagi e 10.116 decessi. Ma sono 329 mila quelli mai ricoverati negli ospedali veneti e seguiti a casa dalle Usca e dai medici di medicina generale. Per la dottoressa Giovanna Scroccaro, presidente della Commissione tecnica regionale per i farmaci e dispositivi medici, le terapie che riguardano le cure domiciliari in Veneto sono le stesse di altre Regioni come il Piemonte, in particolare per l’utilizzo dell’Idrossiclorochina, inserita nel protocollo regionale.

» potrebbe interessarti anche: “Professore morto: procura apre fascicolo per omicidio colposo. Olanda sospende AstraZeneca

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...