mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Blade Runner 2009, film raffinatissimo, ma nessuno ci salva dalla serialità

HomeCinemaBlade Runner 2009, film raffinatissimo, ma nessuno ci salva dalla serialità

L'atmosfera noir di Scott viene rivisitata con un occhio alla pittura dell' Hopper notturno e la scelta di realizzare esterni giornalieri, grigi e piovosi, in alternativa all'eterna notte dell'originale

Blade Runner 2009, film raffinatissimo, ma nessuno ci salva dalla serialità
RYAN GOSLING as K and SYLVIA HOEKS as Luv in Alcon Entertainment’s sci fi thriller “BLADE RUNNER 2049.”

Ho dovuto faticare un po’ prima di esprimere un parere sul sequel di Villeneuve del carismatico film di Scott che tanto infiammò l’immaginario degli anni 80, innestandosi in quella curva postmoderna allora in pieno rigoglio.

Nel primo “Blade Runner” una trama noir si articolava in un futuro in cui gli androidi e gli umani dividevano gli spazi, grazie alla ditta Tyrrell, che produceva i nuovi schiavi, al 98% simili a noi al punto che era possibile innamorarsene o temerne una ribellione.

L’epocale pellicola di Scott, che “tradendo” il romanzo di P.K.Dick, ricavava da quest’ultimo un film di genere pieno di interrogativi su un futuro che in parte si è pure realizzato, prendeva a prestito alcune soluzioni del cinema noir americano anni 40 per riproporne il sottinteso concetto di disumanizzazione e dei “pochi soli” consapevoli di questa perdita; tra cui il Rick Deckart, cacciatore di androidi, che vagava in una Los Angeles piovosa e dolente e fallimentarmente multietnica. Un caos sbrodolante e anonimizzante in quella diffusa “Times square” pubblicitaria che permea gran parte del film.

Il nuovo Blade Runner ha un merito che va riconosciuto: Denis Villeneuve non si sottomette al peso dello stile di Scott ma racconta una storia a seguire con tempi e soluzioni estetiche personali (soprattutto i tempi del film) che al massimo sono “invenzioni di Scott” digerite e riproposte.

Abbiamo un nuovo cacciatore, Agente K (K kafkiano?), che deve eliminare gli ultimi androidi generazione Nexus ribelli. Giunto nell’abitazione/impresa di coltura proteica (alleva bruchi per scopi alimentari) di Sapper Morton, K. lo elimina. Poi si imbatte in un albero (oggetto ormai unico) che, tra le radici, contiene del materiale osseo.

Seguitare a raccontare la trama dopo questo punto significherebbe spoilerare il film e quindi mi fermo. Fatto sta che avviene una scoperta così eclatante che sia il discendente di Tyrrell vuole entrarne in possesso come altrettanto il superiore di K, Joshi, ne vuole l’occultamento.

I pregi dicevo: il film è raffinatissimo e l’atmosfera noir di Scott viene rivisitata con un occhio alla pittura dell’ Hopper notturno e la scelta di realizzare esterni giornalieri, grigi e piovosi, in alternativa all’eterna notte dell’originale.

Ma anche se non soprattutto per questa qualità estetica il film mi ha dato la sensazione di un prodotto middlebrow; o, per essere più chiaro, di una puntata extra lusso di una serie. Perdenti, vincenti, smarriti e ritrovati (tra cui un faccia a faccia Goslyng/Ford piuttosto ridicolo), mettetela come volete, “corrono” (ma non sul filo della lama) per giungere al termine del film e farci intuire che ci sarà una prossima puntata (come suggerisce la scoperta finale).

Ormai non se ne scappa; per quanto alta possa essere la qualità il cinema deve fare concorrenza alle serie usando gli stessi strumenti. Per cui, Villeneuve o meno, alla fine, e pur con tante belle trovate e nonostante un andamento soporifero della parte centrale, siamo davanti ad un megatelefilm.

Non c’è niente da fare; ci si deve rassegnare a una tv su grande schermo? Servono sequel come questi? Probabilmente Scott si sta adattando alle nuove richieste del pubblico, avvezzo a starsene rintanato a casa a vedersi Netflix o Sky o a scaricarsi pellicole del giorno prima; e per richiamare gente in sala assolda un talento indiscusso come Villeneuve, affinchè anche chi crede che il cinema sia una dimensione diversa dalla tv e dalla serialità possa trarne un qualche beneficio.

BLADE RUNNER 2049
(id. 2017, U.S.A.)
regia: Denis Villeneuve
con: Ryan Goslyng, Harrison Ford, Ana De Armas, Sylvia Hoeks, Jared Leto, Robin Wright

Giovanni Natoli

MOVIEGOER, APPUNTI DI UNO SPETTATORE CINEMATOGRAFICO. DI GIOVANNI NATOLI

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....