Bilancio Comune di Venezia, chi paga non può pagare sempre di più

ultimo aggiornamento: 01/04/2015 ore 17:10

89

comune di venezia ca farsetti entrata TVENE

La logica non può essere: chi paga è destinato a pagare sempre di più. Certamente la situazione del bilancio del Comune DI Venezia è nota a tutti e i cittadini e le imprese non dovranno aspettarsi un roseo futuro.

Ma che si mettano anche le ex municipalizzate a gravare sulle spalle dei veneziani forse è un po’ troppo. E non per aumentare i servizi e la qualità, ma per non aver mai inserito a bilancio adeguati fondi per la svalutazione dei crediti e delle insolvenze. Ci preoccupa certamente l’aumento elevato delle tasse sui cittadini, ma ancora di più quello per le piccole imprese veneziane, artigiani e commercianti che si ritroveranno aumenti salati quanto ingiustificati. Il servizio infatti rimarrà invariato, e non sempre è dei migliori.


Penso agli artigiani, per esempio, che hanno spazi medi o grandi per la loro produzione, laboratori e piccoli capannoni. Realtà che di fatto già pagano due volte: una a Veritas sulla base della metratura dei locali e una per lo smaltimento vero e proprio dei rifiuti delle lavorazioni e materiali che Veritas non porta via. Abbiamo aziende che per il classico “sacchettino” parametrabile a quello di una famiglia paga più di 2500 euro all’anno.

Questi continui aumenti faranno lievitare anche l’evasione che attualmente si trova già a livelli significativi. Ma chi paga regolarmente è destinato a pagare sempre di più: in

sostanza “bechi e bastonai”, questo è il destino dei veneziani onesti.


Se a Mestre l’aumento del costo dei parcheggi ha portato ad una raccolta firme credo che per questi aumenti bisognerebbe fare altrettanto. Confartigianato, anche in questo caso,

è al fianco di cittadini e imprese.

Gianni De Checchi,
segretario Confartigianato Venezia

01/04/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here