Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
12.5C
Venezia
giovedì 04 Marzo 2021
HomeCronacaBernadette, strangolata e messa in un frigo. Giorni fa le percosse e i denti rotti

Bernadette, strangolata e messa in un frigo. Giorni fa le percosse e i denti rotti

Bernadette, strangolata e messa in un frigo. Giorni fa le percosse e i denti rotti

Strangolata. Uccisa dopo l’ennesima discussione violenta. E dopo, nessun rispetto per il suo corpo. Il cadavere nascosto in un vecchio frigorifero non funzionante.
Questo l’epilogo di una storia durata sette anni, una storia fatta di liti continue, botte, denunce, riconciliazioni e remissioni di querela.

Bernadette Fella, 55 anni, due figli, maestra d’asilo, una decina di giorni fa, picchiata per l’ennesima volta, pareva però avere trovato la forza di lasciare quell’uomo, allontanandolo dall’abitazione intestata a lei, che la terrorizzava. Tanto che aveva confidato alle amiche: «Ho paura di morire». E’ stata la sua fine.

Bernadette ‘Betta’ Fella, ex maestra d’asilo di 55 anni, è stata strangolata dopo l’ennesima lite e poi messa in un congelatore rotto in cantina. Il cui corpo è stato trovato nella serata di ieri al piano terra di un condominio del quartiere Madonnina alla periferia di Modena.

Probabilmente il cadavere giaceva in quell’angusto locale da diversi giorni, si pensa da circa una settimana, e a dare l’allarme sono stati i vicini di casa che da un po’ avvertivano un odore acre nello stabile.

Non è servito molto, alla squadra Mobile della polizia di Modena, per risalire all’autore dell’omicidio.

Armando Canò, 50enne ex convivente della vittima è stato da subito ritenuto con certezza il carnefice della maestra.

L’uomo è stato rintracciato nella notte dalla sua nuova compagna a Castelfranco Emilia, a una dozzina di chilometri da Modena. Con sé aveva le chiavi dell’abitazione dell’ex convivente, oltre che quelle della cantina dove è stato ritrovato il corpo.

Messo alle strette nella notte, durante l’interrogatorio davanti al sostituto procuratore di Modena Katia Marino, l’uomo ha confessato il delitto, dicendo di aver perso il controllo durante una lite.

Armando Canò è stato arrestato ed è accusato ora di omicidio e occultamento di cadavere.

I conoscenti e i vicini della donna uccisa ora non si danno pace. Praticamente tutti sapevano dei maltrattamenti subiti da ‘Betta’, del rapporto malato con l’ex compagno e convivente.

Una decina di giorni fa, poco prima di morire, sembra che la 55enne fosse stata picchiata con violenza al volto. Tanto che le si erano rotti alcuni denti.

La donna aveva più volte denunciato Canò e alle amiche confidava di avere paura di lui. Ad alcune
avrebbe detto anche di temere di morire, per le sue botte cui seguivano immancabilmente altre minacce.

Quella dell’omicida e della sua vittima erano due vite ai margini che si erano incrociate circa due anni fa. La donna, madre di due figli avuti con l’ex marito, da tempo non aveva un’occupazione stabile, soffriva di depressione ed era seguita dai servizi di salute mentale.
Proprio come il 50enne, che viveva di lavoretti saltuari e aveva dei piccoli precedenti penali.

Nel cortile della palazzina dove si è consumato l’assassinio, oggi sono arrivati alla spicciolata parenti e conoscenti della vittima. Tutti affranti e increduli.

Era molto conosciuta, nel quartiere, ‘Betta’. Così come erano noti i suoi problemi, che però in pochi pensavano potessero preludere a una fine così tragica.

Anche la politica ora si interroga dopo l’ennesimo femminicidio. “Ancora una volta si arriva tardi – dichiarano in una nota i consiglieri regionali modenesi del Pd Giuseppe Boschini, Enrico Campedelli, Luca Sabbatini e Luciana Serri -. È evidente che gli strumenti legislativi che abbiamo a disposizione non sono sufficienti e occorre ripensare le politiche di prevenzione e difesa”.

Redazione | 29/06/2016 | (Photo : d’Archive) | [cod violebe]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...