8.6 C
Venezia
venerdì 22 Gennaio 2021

Bar e ristoranti aperti ma faticano. Zanon: “20mila lavoratori a rischio”

Home ristoranti Bar e ristoranti aperti ma faticano. Zanon: "20mila lavoratori a rischio"
sponsor

Bar e ristoranti aperti ma faticano. Zanon: "20mila lavoratori a rischio"

sponsor

A due mesi dalla riapertura bar e ristoranti faticano molto. Il normale indotto che si sperava si riaffacciasse alla ripresa fatica ad andare a regime mostrando addirittura, in determinate situazioni, un – 40% di fatturato. La fotografia che se ne ricava è drammatica: nella sola Città Metropolitana di Venezia sarebbero a rischio oltre 20 mila lavoratori.

commercial

Si tratta di poco meno di 26.000 pubblici esercizi che attivano 84.231 dipendenti in Veneto di cui il 56,1% donne; di questi, 5.573 tra bar, ristoranti e locali vari si trovano nella Città Metropolitana di Venezia dove si concentra perciò il 21,56% delle imprese venete del settore, che danno lavoro a 20.883 dipendenti, di cui il 45,31% donne. In provincia di Rovigo, invece, i pubblici esercizi sono complessivamente 1.377 in cui lavorano poco meno di 2.900 addetti, per il 65,52% donne.

Sono questi i dati relativi al 2019 riportati dall’ultimo report sul settore, prodotto annualmente dal Centro Studi nazionale di Fipe (Pubblici esercizi) di Confcommercio e basato sull’elaborazione di dati Infocamere, Istat e Inps; ricerca che in questa edizione costituirà necessariamente riferimento per il confronto con l’attuale situazione generale condizionata dal Covid-19, che inevitabilmente sta generando pesanti contraccolpi sulle attività.

“Sono dati importanti e forse troppo spesso non adeguatamente considerati – commenta Massimo Zanon, presidente sia di Fipe che di Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia – Dati che evidenziano come ristorazione, bar e locali non solo costituiscano un’importante rete di servizio per la collettività, ma anche una leva economica e per l’occupazione insostituibile.”

Il rapporto conferma che il settore rappresenta un sensore particolare per gli stili di vita e di consumo degli italiani e dei turisti. Basti pensare che i consumi delle famiglie, sempre lo scorso anno, sono stati stimati complessivamente in 438,5 milioni di euro nella sola provincia di Rovigo, pari a poco più del 5% del fatturato di settore a livello regionale (in Veneto poco meno di 8,3 miliardi di euro), che spiccano a 1,774 miliardi di Euro per la Città Metropolitana di Venezia pari al 21,46% del fatturato dei pubblici esercizi di tutto il Veneto, dove Venezia è seguita al secondo posto da Verona (1,62 miliardi di Euro) e al terzo da Padova (1,379 miliardi).

Numeri che diventano estremamente rilevanti tanto per il Prodotto interno lordo provinciale e locale quanto per quello nazionale: “Ristorante e bar Italia”, nel totale, nel solo 2019 ha fatturato oltre 85 miliardi di euro.

Inevitabile, dunque, porsi alcune domande sull’andamento che il settore sta vivendo e sullo scenario per il 2020.

“Le misure attivate dal Governo stanno dando solo ora un primo beneficio e anche la Regione del Veneto ha risposto tempestivamente alle nostre richieste – sottolinea Zanon – Ma il settore necessita di misure strutturali e aiuti per adattarsi ai nuovi stili di vita e rinnovare il business. La reazione dei singoli esercenti c’è stata, grazie anche all’assistenza delle associazioni di categoria come Confcommercio che hanno dato non solo assistenza, ma anche messo a disposizione strumenti indispensabili per attivare e sviluppare sistemi di prenotazioni e vendite con consegna a domicilio, spesso dando vita a nuovi rami di business, opportunità di fidelizzazione e attrattività per il cliente che prima della pandemia venivano visti con scetticismo o forse troppo complicati”.

La strategia per sostenere in concreto la ripresa passa dunque per l’innovazione e la capacità di fare squadra. Soprattutto è necessario sburocratizzare.

“E’ proprio – conclude il presidente Zanon – da un mix di aiuti pubblici semplici e a burocrazia zero e supporto con strumenti innovativi come quelli messi a disposizione da Confcommercio, che vogliamo evitare lo scenario peggiore: a due mesi dalla riapertura, dopo il lockdown a causa del Covid-19, la perdita di fatturato è già stata stimata mediamente in un -40%. Contiamo, se non vi saranno colpi di coda della pandemia, di comprimerla a fine anno almeno al – 26%, per risalire davvero la china con il nuovo anno”.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...
sponsor

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...
commercial

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Nuovo Dpcm voce per voce. Zone gialle, arancione, rosse: cosa si può e non si può fare

Nuovo Dpcm voce per voce. E' aperta la scuola? Posso muovermi da casa? Il nuovo Dpcm, ovvero: cosa è consentito e cosa è vietato nell'Italia divisa...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.