COMMENTA QUESTO FATTO
 

Bambino morto dopo pranzo in ristorante, indagati titolare, direttore, chef

Un bambino è morto nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Santobono di Napoli il piccolo C. W. di sette anni, cittadino britannico, ricoverato dal 27 ottobre scorso in seguito a un malore avvertito durante un pranzo in un ristorante di Scala, piccolo centro della costiera amalfitana.

Sulla morte del bambino la procura di Salerno ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità nell’accaduto.

Il bambino si trovava in vacanza con la famiglia a Sorrento da alcuni giorni. Il 27 i turisti inglesi si erano spostati in costiera amalfitana per una gita organizzata da un’agenzia di viaggi tra Amalfi, Ravello e Scala.

Dopo aver mangiato in un ristorante di Scala, il piccolo è stato improvvisamente colto da malore ed è arrivato al presidio ospedaliero della costiera amalfitana in arresto cardiaco. Successivamente è stato trasferito nel nosocomio pediatrico di Napoli. Nonostante le cure, le condizioni del bambino hanno continuato a peggiorare fino al decesso.

Sulla morte del bambino la procura della Repubblica di Salerno ha disposto l’apertura di un procedimento penale per accertare l’esatta dinamica dei fatti e la sussistenza di eventuali responsabilità.

Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica, sono condotte dai Carabinieri del NAS di Salerno e dalla Compagnia dei carabinieri di Amalfi. La procura anche disposto l’effettuazione di tutti gli accertamenti necessari medico-legali e l’esame autoptico che sarà effettuato nei prossimi giorni.

La Procura della Repubblica di Salerno – che indaga sul decesso del piccolo con i carabinieri del Nas di Salerno e della compagnia di Amalfi – ha notificato ieri a tre persone (il titolare del ristorante, il responsabile di sala e lo chef, iscritte quale atto dovuto nel registro degli indagati) un avviso di garanzia ipotizzando il reato di omicidio colposo.

Intanto proseguono le indagini sulla morte del bambino che – secondo le prime ipotesi investigative – sarebbe morto a causa di uno shock anafilattico. Il bambino, infatti, era allergico al latte e non si esclude che, malgrado gli avvertimenti dei genitori ai responsabili del ristorante, gli sia stato servito un pasto nel quale potevano essere presenti tracce di quel tipo di alimento.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here