Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
6.8C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeNotizie NazionaliBallottaggi: Movimento 5 Stelle sbanca il banco. Si apre processo a Pd

Ballottaggi: Movimento 5 Stelle sbanca il banco. Si apre processo a Pd

Ballottaggi: Movimento 5 Stelle sbanca il banco. Si apre processo a Pd

Movimento 5 Stelle sbanca il banco.
I Grillini strappano a giunte di centrosinistra due città cruciali come Roma e Torino, mentre sempre candidati di centrosinistra riescono a mantenere lo scranno di sindaco a Bologna, Milano e Napoli.

Il centrodestra riesce invece nell’impresa non da poco di sostituire il centrosinistra nella gestione di Trieste.

Queste, nonostante nella notte alcuni scrutini siano ancora in corso in alcuni comuni, le principali novità portate dalla tornata amministrativa appena conclusasi.

In sintesi, quindi, nei 20 comuni capoluogo al voto il M5S si impone su 3 giunte di centrosinistra, il centrodestra strappa 8 comuni e il centrosinistra (in questo ambito per comodità inseriamo anche De Magistris a Napoli), tiene bene in 4 comuni e vince a Caserta e Varese.

Inevitabili gli scossoni che porteranno questi ballottaggi. Dopo la valanga a Cinque Stelle che ha investito la Capitale dove in tutti i municipi il Pd è stracciato da M5s ma riesce a tenere il minisindaci di centro e Parioli con uno scarto minimo, è certo che seguiranno giorni durissimi dentro il partito capitolino.

Matteo Orfini, commissario post Mafia Capitale di un Pd romano lacerato, per ora tace. Come gran parte dello stato maggiore del partito romano e degli spin doctor, tutti renziani, della campagna elettorale di Giachetti. Anzi il candidato dem, che non dimentica il suo essere radicale, è l’unico a parlare subito e a prendersi le responsabilità: “la sconfitta mi appartiene”. Ma sono in pochi a credere che queste quattro parole potranno acquietare la base già dilaniata.

Il primo ad alzare la voce è stato Roberto Morassut. Il parlamentare dem, principale sfidante di Giachetti alle primarie del centrosinistra per Roma, non ha usato mezzi termini nel chiedere “un nuovo Pd: si sciolgano le consorterie correntizie che soffocano la partecipazione e ostacolano l’ingresso di nuove forze. Sono un tappo mortale. Si riparta dalla politica e da un pluralismo di idee. In primo luogo a Roma. Ora più nessun alibi”.
Morassut è stato protagonista di quel Pd che era esempio di buon amministrazione, il modello Roma di Veltroni e Rutelli. Azzerato in poco meno di otto anni con la disfatta di stasera.

Anche nel vuoto del comitato Giachetti, questa sera, qualche militante puntava il dito: “Il PD Roma dovrà aprire una ampia discussione ripartendo dalle periferie. Non è stato un voto contro Giachetti”.

Altra voce critica quella di Stefano Pedica, il terzo dem in corsa alle primarie all’ombra del Colosseo: “Roberto ha dovuto lottare contro il disgusto dei cittadini che, dopo il terremoto di ‘Mafia Capitale’, di certo non si aspettavano tra l’altro di vedere alcuni personaggi impegnati ancora a fare campagna elettorale – l’affondo -. Serve un congresso romano entro l’anno e bisogna allontanare dal partito chi si faceva fotografare a cena con i Buzzi di turno. Allo stesso tempo, bisogna far capire ad alcune persone che non basta solo presentarsi come renziani o turbo renziani della prima, seconda o terza ora per avere posizioni di potere, bisogna sentirsi del Pd e del centrosinistra”.

La divisione del centrosinistra, che a queste elezioni ha corso diviso (Sinistra Italiana da un lato con Stefano Fassina e Pd dall’altro con Giachetti) è stata tra le cause del crollo dei consensi. Ma non la sola. Sulla debacle del Partito Democratico romano, che solo 2 anni fa alle europee raggiungeva in città il 43%, hanno pesato diversi fattori: dallo scandalo Mafia Capitale alla gestione controversa del caso Marino – l’ex sindaco dem ‘defenestrato’ dal suo stesso partito – fino al lungo periodo di commissariamento che ha ridotto gli spazi di dibattito interno
tanto cari ai militanti dem.

E ancora: la relazione Barca che ha mappato i circoli romani ‘dividendoli’ tra buoni e cattivi, suscitò non pochi malumori interni. All’indomani del primo turno, il commissario romano Matteo Orfini aveva chiarito: “La mia esperienza di commissario è chiusa per statuto e non per scelta. Entro ottobre va convocato il congresso e penso che dopo le elezioni lo faremo”. Ottobre per molti sembra ormai troppo lontano.

Redazione | 20/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod basiro]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

Lisa e Orsetta, la sfida di aprire per i residenti a Venezia

Lisa e Orsetta, la sfida di aprire per i residenti a Venezia. In realtà le sfide sono più d'una, perché le due veneziane hanno...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro oggi tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.