venerdì 21 Gennaio 2022
7.4 C
Venezia

Aurora morta a 16 anni. Mandata a casa dall’ospedale per ‘attacco di panico’?

Homemorte improvvisaAurora morta a 16 anni. Mandata a casa dall'ospedale per 'attacco di panico'?

aurora morta 16 anni attacco di panico

Aurora Grazini era stata dimessa dopo controlli in ospedale. E’ andata a letto, non si è più svegliata. E la domanda resta incombente: si può morire a 16 anni dopo esser stati visitati in ospedale?

Aurora aveva una cascata di capelli castani e il sorriso in ogni foto, con alle spalle spesso la sua Montefiascone, in provincia di Viterbo.

Aveva solo 16 anni Aurora Grazini, e venerdì era stata portata in ospedale perché negli ultimi tempi accusava malori e aveva perso molto peso.

I medici, al termine di alcuni accertamenti, avevano deciso di dimetterla e lei era andata a dormire. La questione potrebbe essere stata liquidata con un’etichetta di ‘attacchi di panico’.

Sabato mattina, invece, i genitori l’hanno trovata morta nel suo letto.

La Procura di Viterbo ha aperto un’inchiesta e procede per omicidio colposo.

Il procedimento, coordinato dal Procuratore Paolo Auriemma, è al momento contro ignoti.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha inviato una task force di ispettori All’Ospedale di Belcolle per accertamenti sull’accaduto. E anche l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato ha disposto un audit clinico sul decesso della giovane “per verificare le procedure cliniche eseguite presso l’ospedale prima delle dimissioni”.

Risposte per questa tragica morte dovrebbero arrivare dall’autopsia, che sarà eseguita martedì nel nosocomio viterbese: l’esame dovrà chiarire le cause del decesso e accertare se la ragazza fosse affetta da qualche patologia o malformazione congenita mai diagnosticata.

Intanto sono già intervenuti i carabinieri della compagnia di Montefiascone per acquisire elementi. I militari stanno ricostruendo le ultime ore di vita della ragazza: il malessere dell’ultimo periodo e il malore di venerdì, quello che l’aveva portata all’ospedale.

E la Procura ha anche disposto l’acquisizione di tutta la certificazione medico-sanitaria della ragazza per ricostruire al storia del suo stato di salute presente e passato, verificare eventuali pregressi.

In questo senso la documentazione è stata acquisita anche presso il medico di famiglia.

A ricordare Aurora anche un post sul profilo Facebook della scuola che lei frequentava, l’Iiss Dalla Chiesa: “Il tuo sorriso, la tua allegria, la tua bellezza, la tua simpatia, il tuo ricordo illumineranno sempre la nostra strada. Ciao Aurora, ovunque tu ora sia devi sapere che continueremo ad amarti”.

Su una sua foto postata su Instagram, Aurora scriveva di sé stessa: E’ complicata. Ma è fatta a modo suo”. In un’altra, “Nel dubbio, fai la cosa più bella”, e ancora: “Niente è come sembra”.

Ed è sotto le sue foto che gli amici stanno scrivendo messaggi, ma lasciano soprattutto cuori. “Mio dio no era bella come un fiore, è volata via come un angelo! Riposa in pace piccolina dolce e tenera come la tua mamma”, scrive un’amica che posta anche una foto in sui è ritratta insieme ad Aurora.

Sulla pagina di un suo amico compare un rettangolo nero in segno di lutto, e una comunicazione: “Avvisiamo tutti i nostri clienti del Galà Dello Studente che l’evento di oggi è spostato a data da destinarsi. Siamo convinti che serva un certo spirito di armonia per poter festeggiare, spirito che purtroppo in occasioni tristi come quella odierna non si può avere. Ci stringiamo intorno al dolore della famiglia”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità

Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie. Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità. 1) Quando si parla di ambiente,...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...