mercoledì 19 Gennaio 2022
4.3 C
Venezia

Ater Venezia : recupero 164 alloggi pubblici grazie a finanziamento Regione

HomecaseAter Venezia : recupero 164 alloggi pubblici grazie a finanziamento Regione

Ater Venezia : recupero 164 alloggi pubblici grazie a finanziamento Regione

L’Ater di Venezia riceve quasi 4 milioni di euro dalla Regione Veneto grazie al bando sul recupero degli alloggi pubblici e potrà così sistemare 164 abitazioni. Si tratta del finanziamento più alto del Veneto ricevuto da Ater e Comuni, ottenuto grazie a progetti che prevedono l’efficientamento energetico e il superamento delle barriere architettoniche

Riqualificazione energetica e superamento delle barriere architettoniche in case alla Giudecca e all’Accademia, restauri agli alloggi sfitti della terraferma veneziana e della provincia che presto potranno tornare ad essere abitati: questi sono i progetti che verranno finanziati

In tutto sono 164 le case dell’Ater di Venezia, abitate e non, che ora potranno essere sistemate, negli interni ed esterni piuttosto che nelle zone comuni, grazie al finanziamento di quasi 4 milioni di euro che l’Azienda Territoriale di Edilizia Residenziale riceverà dalla Regione del Veneto.

Il finanziamento regionale di 3.914.361,61 arriva a fronte di proposte di intervento presentate dall’Ater veneziana a gennaio scorso, con una compartecipazione agli interventi di 363.100,00 euro. Di soldi l’Ater ne aveva chiesti 8,5 milioni alla Regione, ma già questo importo permetterà tutta una serie di interventi migliorativi agli edifici di residenza pubblica.

Il bando di concorso regionale era stato pubblicato a dicembre 2018 “Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (art. 4, decreto legge 28 marzo 2014, n.47, convertito con modificazioni dalla legge 23.5.2015, n.80)” e potevano parteciparvi le Ater e i Comuni del Veneto.

L’Ater veneziana è riuscita a portare a casa più finanziamenti di qualsiasi altra Ater e pubblica amministrazione nella regione, grazie alle proposte dei lavori presentate dall’Area Tecnica, corredate dagli studi preliminari, dal relativo quadro economico e dalla compartecipazione finanziaria dell’Azienda, che hanno consentito un’alta collocazione nella graduatoria formulata dalla Regione.

“Questo finanziamento – dice il Presidente dell’Ater di Venezia Raffaele Speranzon (nella foto) – ci permetterà di intervenire su più immobili della Città Metropolitana di Venezia. Un plauso anche agli uffici dell’Area Tecnica dell’Ater e al coordinamento della Direzione, perché ad essere premiata nella graduatoria è stata anche la bontà delle proposte di intervento a cui ora seguiranno i progetti definitivi. Ad esempio, l’adeguamento di alcune abitazioni ed edifici per accogliere persone con problemi di mobilità e naturalmente l’efficientamento energetico con pannelli solari e isolamento termico delle pareti in modo da permettere minori consumi delle bollette e una maggior tutela dell’ambiente. Sistemare le zone comuni delle case abitate e manutentare gli alloggi sfitti, così che possano tornare ad essere assegnati il prima possibile”.

“Il nostro obiettivo – continua il presidente – è continuare in questa direzione, grazie al lavoro e all’impegno di tutta l’Azienda e alla sinergia con gli enti, come la Regione, possiamo sicuramente migliorare lo stato degli alloggi pubblici garantendo un innalzamento della qualità della vita dei nostri inquilini. Continuerò a battermi su tutti i tavoli perché vengano allocate maggiori risorse per la residenzialità a Venezia”.

“Una soddisfazione che ripaga l’impegno per il lavoro che stiamo svolgendo – spiega il direttore dell’Ater di Venezia Roberta Carrer – naturalmente l’Azienda farà la sua parte, partecipando alla spesa degli interventi con fondi propri e mettendo in moto la macchina organizzativa affinché venga affidata la gara d’appalto e iniziare i lavori il prima possibile, naturalmente entro i 12 mesi previsti dal bando regionale, così che tutti gli interventi finanziati possano essere avviati nel migliore modo possibile ”.

Il bando regionale assegnava infatti un punteggio secondo alcuni parametri per gli interventi agli immobili, tra cui spiccano il superamento delle barriere architettoniche e l’efficientamento energetico. Condizioni che l’Ater di Venezia ha previsto nelle sue proposte di progetto, oltre all’entità della propria compartecipazione economica e l’ampiezza del comune in cui si trovano gli immobili.

Su proposta dell’Assessore regionale ai Servizi Sociali, Manuela Lanzarin, è stato dato il via libera alla graduatoria degli interventi ammissibili al bando per il recupero e la razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

PROGETTI E FINAZIAMENTI

Il finanziamento regionale complessivo è di 3.914.361,61 euro per cinque diverse proposte di progetti, nei territori di Venezia centro storico, Favaro Veneto, Mestre, Chirignago, Marghera, Caorle e Chioggia.

Centro Storico Lagunare: intervento per il superamento delle barriere architettoniche ed efficientamento energetico per 9 appartamenti in 2 palazzi (8 a Sacca Fisola e 1 all’Accademia, quest’ultimo al piano terra). A Sacca Fisola sarà installato l’ascensore in un palazzo, tutti gli appartamenti saranno accessibili a chi ha problemi di mobilità, anche con adeguamento dei bagni per disabili. Il finanziamento regionale ammonta a 108.000,00 euro.

Terraferma veneziana: manutenzione straordinaria per il riatto di 11 alloggi sfitti a Mestre, Chirignago, Favaro Veneto, e Marghera. Il finanziamento regionale ammonta a 459.900,00 euro.

Favaro Veneto: manutenzione straordinaria ad un fabbricato in cui si trovano 80 alloggi Ater con isolamento termico dell’edificio mediante “cappotto” esterno, sistemazione canne fumarie e sostituzione serramenti, adeguamento degli ascensori secondo le norme per il superamento delle barriere architettoniche. Il finanziamento regionale ammonta a 2.576.100 euro.

Caorle: manutenzione straordinaria di un fabbricato Ater in cui si trovano 24 alloggi mediante l’installazione di pannelli solari per la produzione dell’acqua calda sanitaria, isolamento termico dell’edificio con “cappotto” esterno, sostituzione serramenti. Il finanziamento regionale ammonta a 700.000,00 euro.

Chioggia: intervento per la riqualificazione energetica di un edificio in cui si trovano 40 alloggi Ater; isolamento termico all’edificio con “cappotto” esterno, superamento delle barriere architettoniche con adeguamento degli ascensori, manutenzione straordinaria alle parti comuni, sostituzione impianto di distribuzione gas e dei serramenti. Il finanziamento regionale ammonta a 70.361,61.

L’efficientamento energetico degli edifici avviene mediante la riduzione dei consumi di energia, l’innalzamento di almeno una classe della prestazione energetica o la riduzione di almeno il trenta per cento dei consumi registrati nell’ultimo biennio di utilizzazione dell’immobile. Dove è possibile, sarà prevista l’installazione di pannelli solari per il riscaldamento e la produzione dell’acqua calda sanitaria. Le caratteristiche di isolamento termico saranno migliorate anche dalla sostituzione dei vecchi serramenti con quelli nuovi, migliori dal punto di vista termo-acustico, e saranno adeguati gli impianti termici.

Il superamento delle barriere architettoniche avviene invece con la sostituzione, adeguamento o installazione di nuovi ascensori accessibili a persone con disabilità, negli alloggi e in particolare nei bagni, sarà previsto l’adeguamento degli spazi di accessibilità e dei sanitari.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...