Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
14.8C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeImmigrazioneArrivano troppi migranti, a rischio stranieri già in Italia. Pericolo terrorismo

Arrivano troppi migranti, a rischio stranieri già in Italia. Pericolo terrorismo

Il terrorismo potrebbe aver rinunciato ad infiltrare i propri operativi attraverso l'immigrazione clandestina, puntando invece a convincere i moderati islamici presenti portandoli all'esasperazione a causa dei tempi lunghi e della qualità dell'accoglienza in Italia dovuta alla disorganizzazione provocata da numeri insostenibili perché troppo alti

I guadagni di profugopoli sulle spalle di immigrati e cittadini. Di Roberto Ciambetti

Siamo all’assurdo: nel nome e sotto la bandiera di un’accoglienza che sarebbe dis-umanitaria limitare o organizzare, i massicci arrivi dei migranti stanno mettendo in pericolo le comunità di stranieri già presenti in Italia (non più gli italiani).

Verso l’Italia c’è “un’incessante ondata migratoria” e l’ingente afflusso di migranti in un lasso di tempo così breve può “‘stressare’ le comunità straniere presenti nel nostro Paese” determinando “il rischio di possibili derive criminogene ed islamico-radicali quale frutto del risentimento per le aspettative tradite e del disappunto per le condizioni di disagio nei contesti ospiti”. Queste le parole contenute nella relazione annuale dell’intelligence al Parlamento.

Il documento ufficiale fornito al governo italiano ricorda i numeri degli arrivi via mare, che hanno assunto “una connotazione sempre più strutturale”: 181mila lo scorso anno, 153mila nel 2015 e 170mila nel 2014. Con la Libia che ha consolidato il suo ruolo di ‘hub’ di raccolta e partenza dei migranti verso l’Italia. Una pressione in cui assume rilievo una componente islamista più radicale ed aggressiva, secondo gli 007, “potrebbe condizionare e intimidire la prevalente componente moderata della comunità etnica di riferimento”.

Altro effetto dell’ingente afflusso è l’affollamento delle strutture di accoglienza, con il conseguente ritardo delle procedure di esame delle istanze di protezione e l’aumento del senso di frustrazione nei migranti che può favorire l’insorgere di proteste anche violente.

Ci sono, in conclusione, “ripetute segnalazioni di minaccia sul possibile transito di estremisti in area Ue attraverso la rotta libica”, ma “non sono emerse univoche indicazioni sull’esistenza di una strategia – riferibile a Daesh o ad altre organizzazioni terroristiche – intesa all’invio sistematico di propri operativi in Europa attraverso il canale dell’immigrazione clandestina via mare. Si tratta comunque di un’ipotesi alla costante attenzione informativa”, rileva la relazione dell’intelligence al Parlamento.

I servizi segnalano poi come “uno dei principali ambiti di contaminazione tra circuiti criminali e terroristici” resti “quello dell’approvvigionamento di documenti di identità, permessi e titoli di viaggio”.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.