7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Arrestati due tunisini ladri seriali in negozi e bar di Mestre

HomeSicurezzaArrestati due tunisini ladri seriali in negozi e bar di Mestre
la notizia dopo la pubblicità

La Polizia di Stato di Venezia, grazie all’attività svolta dagli agenti del Commissariato di P.S. di Mestre, ha denunciato due cittadini tunisini, S.B. ed M.A., accusati di essere gli autori di numerosi furti avvenuti nei mesi estivi, in particolar modo nel mese di agosto, ai danni di diverse attività commerciali.
Nel mese scorso, infatti, era stato denunciato un ladro seriale, M.A. di origini magrebine, che durante i mesi di giugno, luglio e agosto aveva messo a segno complessivamente 9 furti tra il centro di Mestre, il quartiere di Carpenedo e Marghera, divenendo il “terrore” delle piccole attività commerciali.

Gli agenti del Commissariato di Mestre, grazie alle testimonianze rese da alcuni cittadini, sono riusciti ad individuare l’autore della lunga catena di furti dopo aver minuziosamente visionato le telecamere di videosorveglianza poste nei pressi dei luoghi interessati dei furti.
L’attività investigativa ha inoltre portato ad individuare un altro ladro seriale, S.B., anch’esso cittadino tunisino, il quale riusciva a intrufolarsi attraverso le “ribalte” delle vetrine all’interno di negozi, bar, aziende ed altre attività commerciali sottraendo denaro e dispositivi elettronici quali telefoni cellulari, tablet e registratori di cassa.
Anche in questo caso le indagini si sono sviluppate attraverso l’attenta analisi e comparazione delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza .

Il particolare “modus operandi” adottato da questo secondo malvivente, ha permesso ai poliziotti di acclarare le responsabilità di S.B. come l’autore di una numerosa serie di furti avvenuti sul territorio mestrino, interrompendo così di fatto la sua escalation criminale.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")