7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Architetto padovano paralizzato, a giudizio i medici che lo hanno curato

HomeCavallino Treporti JesoloArchitetto padovano paralizzato, a giudizio i medici che lo hanno curato
la notizia dopo la pubblicità

Architetto padovano paralizzato, a giudizio i medici che lo hanno curato

Quando una diagnosi precoce avrebbe potuto risparmiare lesioni gravissime alla vita di un uomo, quando quella diagnosi arriva tardivamente e costringe all’immobilità totale lo stesso uomo, non resta che affidarsi alla Procura e accertare le responsabilità su quanto è accaduto.

Il fatto risale all’estate del 2013, M.Z, un architetto padovano di 64 anni, sta trascorrendo le vacanze a Jesolo con la moglie, quando si sente male e da quel momento in poi, tanti sono i travagli che lo conducono all’epilogo della disabilità, troppe appaiono le diagnosi improprie che hanno impedito gli accertamenti utili al riconoscimento della lesione neurologica in atto.

In sala operatoria dell’Ospedale all’Angelo di Mestre, l’architetto arriva dopo sedici ore dal primo accesso ospedaliero al Pronto Soccorso di Jesolo, per poi rivolgersi al Pronto Soccorso di San Donà, pare senza ricevere le dovute cure.

I medici di quegli ospedali del Veneto orientale, F.d.F, L.G. e F.B. sono stati tutti rinviati a giudizio con l’accusa di lesioni colpose gravissime: M.Z. a causa di quel danno al midollo spinale, non muove più le braccia, necessita di assistenza giorno e notte a causa di quella diagnosi mancata.
Da quel giorno ha dovuto sostenere spese enormi per le cure fisioterapiche e i farmaci, e si può immaginare quanto sia cambiata la qualità della sua vita.

L’avvocato del professionista padovano, Carlo Bermone, ha chiesto un risarcimento danni di 5 milioni di euro e nel contempo il Pubblico Ministero Walter Ignazito ha affidato una consulenza tecnica al prof. Carlo Moreschi dell’Università di Udine, al fine di valutare le responsabilità dei medici e del loro operato rispetto agli avvenimenti.

Dovranno accertare, i membri della commissione, le eventuali sottovalutazioni e l’intempestività delle cure, il mancato trasferimento del paziente in un presidio dotato di rianimazione neurochirurgica. Le sedici ore trascorse, dal momento del sintomo, sembrano essere la causa del danno e sarà il processo del 30 gennaio presieduto dalla giudice Sara Natto, a ripercorrere “quel tempo” della speranza che si è concluso tragicamente e a rilevare il perché non si sia potuto evitare.

Andreina Corso

21/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...