Aprire un’azienda? Una “mission” meno “impossible” con gli strumenti giusti

ultimo aggiornamento: 24/09/2020 ore 16:16

26

Aprire un’azienda? Una “mission” meno “impossible” con gli strumenti giusti

Se hai da tempo il sogno nel cassetto di metterti in proprio ma fino ad oggi hai sempre rimandato perché ti sembrava una cosa troppo difficile, sappi che è stato così per tanti imprenditori oggi di successo. Aprire un’attività è di certo qualcosa di importante che può cambiare la vita. Un passo importante che non va di certo preso a cuor leggero: fare impresa, è una scelta tutt’altro che semplice. Servono un periodo di pianificazione, un budget sufficiente a coprire i costi di partenza ma anche idee solide per raggiungere gli obiettivi pianificati.

Rispetto a qualche anno fa, avviare un’attività in Italia oggi è diventato abbastanza semplice per chiunque, anche grazie a forme giuridiche che permettono di aprire un’attività senza essere in possesso di grosse somme di denaro.


Gli step principali si possono riassumere in:

1. Creazione di un business plan, primo step fondamentale per capire dove si vuole arrivare e come

2. Apertura della Partita IVA per poter emettere fatture in modo legale, e ottenimento del codice Ateco


5. Scelta del regime fiscale al quale aderire

6. Scelta della forma giuridica: ditta individuale, s.n.c., s.r.l., s.a.s.

7. Costituzione vera e propria della società

Conto corrente aziendale: obbligatorio, ma anche strategico

Quando si apre un’azienda si ha di solito l’obbligo di aprire un conto corrente aziendale. Il conto corrente però rappresenta uno strumento di fondamentale importanza per la corretta gestione delle entrate e delle uscite, e può rivelarsi un prezioso alleato nella gestione finanziaria di un’impresa.

Per molto tempo i prodotti bancari non sono stati che una versione business dei tradizionali conti privati, senza offrire una vera e propria soluzione a misura di impresa. Le cose però oggi sono cambiate e l’offerta sul mercato si è notevolmente ampliata.

Qonto è l’esempio perfetto di un conto corrente aziendale proposto da un istituto solido, affidabile, trasparente nel suo operato, in grado di diventare mezzo indispensabile per rendere la gestione quotidiana dei flussi di denaro snella, rapida, accessibile. Le caratteristiche di Qonto si possono leggere qui, ma vediamo di riassumere i punti di forza per i quali un numero sempre maggiore di imprese, nonché di professionisti e partite IVA, scelgono di aprirlo.

Perché Qonto?

Il conto corrente di Qonto si apre e gestisce appunto 100% online nel giro di una quindicina di minuti. Ha un servizio clienti efficiente e rapido, in grado di sostituirsi perfettamente all’assistenza fornita da un tradizionale sportello bancario, senza il disagio di recarsi fisicamente in filiale e delle lunghe code. Il cliente ha a disposizione un’app con cui gestire comodamente il proprio conto ed effettuare le operazioni da smartphone o tab. In alternativa, da pc, il titolare del conto può accedere comunque al sito web in maniera rapida. L’interfaccia è molto essenziale, semplice e di facile utilizzo, molto pratica per compiere le proprie operazioni quotidiane di gestione e verifica dei flussi di denaro.

Il conto business di Qonto ha tutto ciò di cui un’impresa può aver bisogno: IBAN italiano, carte di pagamento Mastercard, tool e servizi che semplificano la contabilità. In aggiunta a bonifici, addebiti diretti e carte di debito nominative Mastercard per i tuoi collaboratori, Qonto offre servizi e funzionalità innovative, specifiche per il mondo del business come integrazioni e molto altro. In più è possibile ottenere un’offerta personalizzata a seconda delle proprie esigenze aziendali.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here