Approfitta della Fiera del Rosario per ripulire le auto, ma arrivano i carabinieri

ultimo aggiornamento: 06/10/2014 ore 15:38

178

marocchino 18 anni ladro auto

Aveva pensato di approfittare delle numerose auto in sosta lasciate incustodite dai visitatori della Fiera del Rosario per realizzare un buon bottino senza correre troppi rischi, ma le cose sono andate diversamente per il marocchino Lamghari El Arbi, 18 enne, residente nel bellunese, che ha trascorso il fine settimana nelle camere di sicurezza della compagnia dei Carabinieri.

Erano appena trascorse le 23 di sabato 4 u.s. quando alcuni giovani che si stavano recando verso la propria autovettura, lasciata in sosta in via Baron di San Donà, si sono accorti che le luci interne dell’abitacolo erano accese. Il proprietario, convinto che quando era arrivato con gli amici per visitare la fiera aveva regolarmente chiuso la sua Fiat Panda, ha immediatamente sospettato che qualcuno si fosse introdotto all’interno per commettere un furto.


I Carabinieri sandonatesi, immediatamente allertati, sono subito arrivati riuscendo a bloccare uno dei due ladri che rovistavano all’interno dell’auto. Accompagnato nella sede di via Carbonera, il marocchino, già noto alle forze di polizia, è stato arrestato per il reato di furto aggravato in concorso e trattenuto nelle camere di sicurezza fino a questa mattina, quando il Pubblico Ministero ha fissato l’udienza di convalida con la procedura del rito direttissimo.

Nella mattinata, lo straniero comparso davanti al Giudice nelle aule del Tribunale di Venezia, è stato condannato alla reclusione di un anno e sei mesi e al pagamento della multa di Euro 400, con l’applicazione della sospensione condizionale della pena.

Redazione


06/10/2014

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here