Anomalie – Un viaggio in versi

132

terre sommerse copertina

Affidarsi ai versi e alla poesia, in Italia, patria della scrittura, dei letterati, delle più belle pagine di storia della letteratura, è sempe più difficile e raro, ma l’autore che vi presentiamo oggi, all’esordio con la sua raccolta di poesie ”esistenzialiste”, ci da prova che esprimere i propri sentimenti e celarli dietro alla forma poetica, è ancora possibile.

Il poeta in questione è Francesco De Luca, che sin dall’età di 19 anni coltiva la passione per la musica e la poesia: Anomalie (Edizioni Terre Sommerse, pag.134, €15) è il suo primo lavoro edito. Sono passati vent’anni, come ci dice nell’introduzione, dalla prima composizione poetica e direttamente dall’Oriente (dalla Cina), dove ne ha composto altre, nella sua opera pubblicata, rivivono il 1998-1999, gli anni poetici.

Ritornare a nuova vita è un po’ l’inno della raccolta stessa. Come dice De Luca: ”perchè tornare a pubblicare un libro di poesie scritto a diciannove anni? Mi rispondo così.
Per una presa di coscienza, per la decisione di affrontare questo periodo buio, necessario, di morte dell’anima, con un gesto semplice: la poesia o l’elementarietà dell’essere. Perchè solo la poesia è capace di smuovere gli animi, così come la musica.”

La poesia inoltre, come altri generi letterari, fa rima con fantasia, perché poter affidarsi alle parole, ”adottarle” e ”sacrificarle” significa sconfinare e portare con se il lettore. De Luca con questi componimenti (in italiano e tradotti in inglese) ci riesce appieno e grazie al suo agglomerarsi di parole in ”libertà ordinata”, quasi fosse un flusso di coscienza, trasporta chi legge in un’altra dimensione: nella natura e nella profondità dell’anima.

La raccolta spazia spingendosi in territori da esplorare, tra mente, sogno e desideri, accompagnati da un suono, quello della poesia pura, che si insinua nel lettore. Fin dai primi componimenti, ciò che si percepisce sono le immagini: di territori desolati, abitati da mostri, da un ”fuoco freddo”. Quello descritto pare un mondo distrutto, nel quale ci si sente soli ed è allora all’amore, ai sentimenti, che l’autore guarda.

Folle delicatezza, parole che si fanno percezioni ed un linguaggio che finisce per raggiungere il suo scopo: rendere pura la poesia. Anomalie rappresenta ”un’anomalia poetica”, che riesce a coinvolgere con la sua passionalità ed intensità, regalando emozioni nuove, come un nuovo viaggio, alla scoperta di sensazioni nuove.

Alice Bianco

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here