Voce del Verbo. Distribuire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 18/09/2015 ore 10:19

135

Distribuire. Verbo molto attuale in quanto riguarda il concetto di distribuzione dei profughi, degli immigrati, in queste giornate ricche di spunti che contribuiscono a farci conoscere chi è l’uomo, la persona che abita in noi.
Migliaia e migliaia di popolazioni che fuggono dalle guerre, dalla miseria, in carovane umane capaci di attraversare mari e deserti, sfidando la morte, aspettano che l’occidente, l’Europa e chi può e vuole li distribuisca, salvandoli.

Vanno distribuiti anche i presupposti e chiariti gli intenti.
L’Europa sembra avvicinarsi a quei destini che vedeva solo da lontano, sembra che finalmente ogni nazione (a parte chi usa fili spinati e alza muri per respingere) voglia responsabilmente se pur con colpevole ritardo accogliere un numero imprecisato di esseri umani.
Ecco che distribuire potrebbe significare affidare ad ognuno e a tutti un compito di civiltà.
Si distribuiscono anche sentimenti di odio, parole miserabili e minacce, si distribuisce l’occasione giusta per sfogare risentimenti e rabbia di cui non sono certo responsabili le persone che soffrono più di noi.
Si distribuisce cinismo ai cinici e indignazione a chi si sa indignare.

Andreina Corso


18/09/20015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here