COMMENTA QUESTO FATTO
 

Andreina Corso: "Mi Incontro Poeta", presentazione venerdì 5 ottobre da Feltrinelli

Venerdì 5 ottobre alle ore 18 presso la libreria la Feltrinelli (piazza XXVII Ottobre, 1 CC Le Barche – Mestre) si terrà un incontro con presentazione del libro “Mi Incontro Poeta” di Andreina Corso (Edizioni Bonaccorso). Sarà presente l’autrice. Presentano Tiziana Agostini, Giovanna Gin con Letture di Alessandra Prato, Gianni Moi.

Prefazione
Andreina è scrittrice di romanzi e racconti brevi, scritti nei quali si incontrano persone (sì, non personaggi), situazioni di marginalità, sempre che ci sia un centro nella vita, narrate con uno sguardo attento, rispettoso. Piccole storie analizzate con lucidità in cui la vita si rivela con la sua spietatezza e leggerezza insieme.

Questa è la prima raccolta sistematica di testi poetici. Ha compiuto una scelta tra molte delle sue poesie e penso che il ripercorrere tutto questo tempo di scrittura sia stato un intenso lavoro di incontro con se stessa. Un incontro poeta… appunto.

I suoi versi sono come sassolini lasciati nel bosco buio per ritrovare la via.

Sassolini bianchi, candidi, perfetti nelle loro spigolature.

Segnano un percorso… si potrebbe dire temporale osservando l’indice della raccolta.

Ma la poesia di Andreina non ha tempo definito.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

È sospesa, nella ricerca rigorosa e continua della verità.

Una verità dura, talmente forte che le parole permettono di toccare quasi fisicamente il suo pensiero e a volte io provo pudore misto a paura.

Per questo ho preferito sorvolare su alcuni versi…ma i sassolini risplendono nel buio e al momento giusto si faranno raccogliere.

Certo, non si era ancora letta

una prefazione di uno che non ha letto proprio tutto

ma Andreina non si offende.

Giovanna Gin


Terra lunare

Terra lunare, drago di terra arsa

fumo di ghiaccio ferito

plasma il volo cauto del gabbiano.

Ali di polvere nella laguna scucita

e assetata di acqua solare.

Nessun piede calpesta il dolore

e l’occhio assiste alla cecità del silenzio.

La polvere nera acceca l’orizzonte

invoca riparo il raggio spezzato

dalla tua mano forte.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here