Voce del Verbo. Fuggire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 23/07/2015 ore 08:33

122

Fuggire, andare, scoprire l’altrove.
Corrono le gambe verso l’orizzonte, passi magnetici affondano l’aria e la forza di gravità.
Il corpo seduce la compatibilità del vento che nel verbo Fuggire raccoglie tutte le ragioni della fuga.
Si fugge da un posto per poi ritornarci, si fugge da un amore per poi averne nostalgia?

Come è strano il tempo di ciò che si lascia, si muovono i fatti, le azioni che lo hanno riempito. Si muovono convulsi nella nostra mente che vorrebbe fuggire e anche restare.
Ogni azione rifugge il suo contrario e l’abitato diventa disabitato, l’ordinato diventa disordinato, un buon articolo di trasforma in banalità.
E la banalità non soggiace, si dà alla fuga. Sa di poter occupare ancora tanti posti vuoti.

Andreina Corso


23/07/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here