COMMENTA QUESTO FATTO
 

In questi giorni, gli organi di stampa nazionali e locali hanno dato ampio risalto ad un presunto accordo tra il Governo e ANCI nazionale che prevedrebbe, senza ulteriori precisazioni, l’attribuzione per ogni Comune di un numero di 25 migranti ogni mille abitanti.

L’ufficio di presidenza di ANCI Veneto, ha ritenuto opportuno scrivere alla presidenza di ANCI nazionale per alcune considerazioni in merito. In allegato, il documento ufficiale.

La notizia, infatti, sta suscitando rilevanti malumori tra i Sindaci del Veneto, soprattutto per il mancato coinvolgimento e l’assenza di qualsivoglia informazione su un accordo, che non ha visto in alcun modo partecipe ANCI Veneto. ANCI Veneto ribadisce la necessità ineludibile di attivare rapporti di collaborazione permanente tra le Istituzioni, sottolineando come i Sindaci devono essere preventivamente informati e coinvolti prima che venga assunta qualunque decisione che interessi direttamente o indirettamente il territorio comunale, soprattutto nel caso si intenda sottoscrivere accordi che prevedano quote per singoli Comuni.

Risulta, infatti, insostenibile che i Comuni, chiamati a dover dare risposte immediate di intervento, non siano coinvolti né addirittura informati sugli arrivi, lasciando spesso all’improvvisazione gli interventi, senza alcuna pianificazione condivisa.

Non si può non rilevare altresì, a fronte di obblighi di accoglienza imposti ai Comuni, l’assenza di concrete iniziative atte a velocizzare il disbrigo delle pratiche da parte dalle competenti commissioni territoriali, come previsto dalla direttiva 2005/85/CE, anche potenziando il numero delle Commissioni incardinate presso le Prefetture ed il relativo organico né la mancata introduzione di efficaci correttivi alla normativa che consentano di ridurre tempi e gradi di giudizio relativi ai ricorsi avverso le decisioni delle commissioni territoriali, in modo da fissare tempi certi per la definizione dello status giuridico dei singoli e assumere i conseguenti provvedimenti relativi all’accoglienza o al rimpatrio.

Anci Veneto, in conclusione, confida in un tempestivo chiarimento su quanto divulgato dalla stampa e un effettivo coinvolgimento che possa condurre eventualmente a intese sostenibili e condivise.

15/08/2016

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here