-0.2 C
Venezia
martedì 26 Gennaio 2021

Anastasia: “Non sapevo dei soldi”. I giudici: incredibile come non collabori per scoprire assassini del fidanzato

Home spaccio di droga Anastasia: "Non sapevo dei soldi". I giudici: incredibile come non collabori per scoprire assassini del fidanzato
sponsor

sponsor

Le indagini sull’omicidio di Luca Sacchi riservano colpi a sorpresa. Quella di oggi pare addirittura clamorosa.
Anastasia non avrebbe saputo che lo zaino che portava sulle spalle conteneva 70mila euro in contanti.

commercial

Anastasia ha deposto oggi. Si è dovuta fermare per le lacrime in più di una occasione.
Scossa ed emozionata la ragazza ha raccontato la sua “verità” sulla vicenda di Luca Sacchi, su quanto accaduto la sera del 23 ottobre davanti ad un pub di Roma, nella zona dei Colli Albani.

Anastasia ha respinto in primo luogo le accuse su di lei scaricando eventuali responsabilità su Giovanni Princi, l’amico di infanzia di Sacchi che avrebbe gestito la trattativa con i pusher di San Basilio per l’acquisto di 15 chilogrammi di droga.

“Non sapevo che in quello zaino c’erano 70 mila euro”, racconta di getto la ragazza arrivata a piazzale Clodio per l’interrogatorio di garanzia, dopo la misura dell’obbligo di firma notificatale il 29 novembre scorso.

La giovane si è presentata con un berretto rosa calato sul viso e gli occhiali da sole. Ha detto che quella sera era nata come tante trascorse in compagnia del fidanzato.

“Siamo andati lì come spesso facevamo io e lui, come sarà capitato altre mille volte”. E ancora: “In questa vicenda di droga io e Luca non c’entriamo nulla”.

L’atto istruttorio è durato circa trenta minuti, il pm Nadia Plastina ha preferito non porre domande all’indagata.

Anastasia ha comunque tirato in ballo Princi. “Prima di quel momento Giovanni era un grandissimo amico del mio fidanzato”, avrebbe raccontato al giudice Costantino De Robbio fissando nella drammatica collutazione, terminata con il colpo di pistola alla testa sparato da Valerio Del Grosso, uno snodo tragico nel rapporto tra il persona trainer e Princi. “Questa vicenda ci ha sconvolto e travolti”, ha spiegato.

Una ricostruzione che a detta del suo difensore, l’avvocato Giuseppe Cincioni, conferma l’estraneità di Anastasia “sull’ipotizzato traffico di stupefacenti”.

Secondo l’accusa, però, Anastasia e Princi hanno avuto un “ruolo centrale” nella trattativa con gli spacciatori ai quali hanno mostrato il denaro ottenuto da un “finanziatore” che resta ancora da identificare.

In base all’impianto accusatorio per la 25enne è “recente il suo inserimento nel mondo dei traffici criminosi come corriere”. Un ruolo, in base a quanto scrivono i pm nella richiesta di arresto, affidatole da Princi in quanto “è notorio che donne passano più inosservate e vengono utilizzate frequentemente come corrieri”.

Nel corso del breve interrogatorio non si sarebbe fatto riferimento alla natura di quei soldi, a quelle banconote stipate in due mazzetti nello zaino. Nessun accenno neanche al sistema di comunicazione tramite chat criptate che la ragazza utilizzava per parlare, così come faceva lo stesso Sacchi stando a quanto raccontato da uno dei testimoni presenti quella sera in via Bartoloni.

Con l’interrogatorio di Anastasia si chiude la tornata di audizioni svolte dopo l’emissione delle cinque misure cautelari per la seconda tranche dell’inchiesta. Ieri gli altri indagati avevano deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Sia Marcello De Propris e Princi, che gli autori materiali della drammatica aggressione Del Grosso e Paolo Pirino, questi ultimi a Regina Coeli dal 25 ottobre, hanno deciso di restare in silenzio. “Saremo pronti ad affrontare interrogatori – raccontano i difensori che valuteranno nei prossimi giorni il ricorso al Riesame – solo quando avremo a disposizione tutte le carte dell’indagine”.

Del Grosso, però, ieri nell’atto istruttorio durato pochi istanti ha voluto fare una breve dichiarazione spontanea ribadendo che “non voleva uccidere nessuno” e che quella sera “era la prima volta che prendeva un’arma in mano”.

E adesso dopo aver ascoltato le verità delle persone presenti quella tragica sera a Colli Albani, l’attività istruttoria proseguirà con l’analisi dei cellulari sequestrati nel tentativo di individuare chi fornì il denaro, che si trovava nello zaino di Anastasia, e verificare l’esistenza di ulteriori contatti dal gruppo di pusher di San Basilio e “gli acquirenti della droga”.

Due giorni fa le indagini avrebbero rivelato la compartecipazione di un altro soggetto misterioso sul fatto.

La decifrazione della serie di contatti segreti tra Anastasia e Giovanni Princi potrebbe svelare l’intreccio di quella compravendita di droga all’origine dell’omicidio di Luca Sacchi. Ma, prima di tutto, far risalire all’identità del cosiddetto ‘finanziatore’.

Il ‘personaggio misterioso’ potrebbe essere nei due cellulari sequestrati dai carabinieri, uno alla fidanzata della vittima e l’altro allo stesso Princi, e qui potrebbe esserci la chiave per chiarire definitivamente i contorni della vicenda del giovane personal trainer romano ucciso il 23 ottobre scorso nel quartiere dei Colli Albani.

L’obiettivo è quello di arrivare al vero destinatario dei 15 chili di marijuana, il cui nome potrebbe essere contenuto nella rubrica del telefonino segreto di Princi: si tratta di un secondo cellulare che il giovane avrebbe tenuto finora nascosto.

Quest’ultimo, che quella sera si trovava con Valerio del Grosso, autore materiale del delitto, era amico del personal trainer e secondo l’accusa avrebbe condotto la trattativa con i pusher. Trattativa che serviva ad acquistare la droga con i 70mila euro contenuti nello zaino di Anastasia, poi sottratto dagli assassini di Sacchi.

L’unico tassello mancante resta quindi l’identità della persona che potrebbe aver fornito a lei e a Princi quelle decine di migliaia di euro in biglietti da 50 e 20 euro. E sono gli stessi pm titolari dell’indagine ad ipotizzare l’esistenza di “un finanziatore che li aveva assoldati”.

Appaiono troppi i soldi, che erano pronti ad essere investiti, per esser stati nelle disponibilità di ragazzi.

L’atto istruttorio di oggi arriva dopo che il giudice ha ascoltato i soggetti ‘che hanno avuto un ruolo attivo’ nella vicenda e che sono stati raggiunti da ordinanza cautelare in carcere. Martedì, infatti, si sono svolti gli interrogatori di Marcello De Propris, il 22enne accusato, tra l’altro, di concorso in omicidio per avere fornito ai killer la pistola utilizzata per uccidere Sacchi, e Giovanni Princi.

Una certezza è che quest’ultimo comunque “non è alla prima esperienza” in vicende di droga. Per gli inquirenti “è inserito stabilmente in contesti criminali, in passato aveva concluso altri acquisti – si legge nella richiesta della Procura – si da essere definibile cliente degli spacciatori indagati, preserva le sue relazioni criminali non offrendo alcun contributo alle indagini benché l’ucciso fosse un suo amico dai tempi del liceo”.

Non solo. In quelle ore appare sospetta anche “l’ansia” mostrata da Princi nel dover spostare, subito dopo il delitto, il prima possibile l’auto di Anastasia, che sarebbe stata portata dove doveva avvenire lo scambio e predisposta per trasportare i 15 chili di marijuana.

Un comportamento “ambiguo” che lo accomuna alla stessa Anastasia. Anche lei, a detta degli investigatori, non ha fornito, nelle ore successive al fatto, alcun tipo di aiuto alle indagini per accertare la verità.

Secondo i pm, lei e Princi “dimostrano, seppur con gradi diversi, di essere pienamente inseriti nel circuito della compravendita di stupefacenti” ed è sorprendente – aggiunge il giudice – la sua chiusura ad ogni collaborazione con gli organi investigativi per assicurare alla giustizia gli autori del delitto del fidanzato”.

E ad essere sorpresa è innanzitutto la famiglia Sacchi: “Anastasia per noi era una figlia, adesso non la conosco più”, aveva detto qualche giorno fa il padre di Luca.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
commercial

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.