venerdì 21 Gennaio 2022
-0.4 C
Venezia

Amore bugiardo – Gone girl, l’azione letale dei media che circondano gli inganni dei protagonisti

HomeAltre NotizieAmore bugiardo – Gone girl, l’azione letale dei media che circondano gli inganni dei protagonisti

in questo film che a tratti ha una (voluta?) “piattezza” televisiva.

Lei è bellissima e sofisticata, una ragazza perfetta in tutti i sensi. Oltretutto è la protagonista di un celebre fumetto ideato dagli odiosi genitori che si chiama proprio come lei, Amy. Lui, Nick, è un self made man con un’aria più “rustica”. Sia lui che lei son nel mondo della scrittura, son benestanti, sofisticati, snob e invidiati.
La sparizione di lei, avvenuta durante il periodo di recessione nel 2012 è il movente di una trama complessa e ricca di sorprese e bruschi scarti, ardua da riassumere, soprattutto sono impossibili da evitare gli spoiler di un film circolare e a scatole cinesi.

In mezzo a questa tortuosa vicenda, l’azione letale dei media, dalla tv ai selfie, che circondano gli inganni dei protagonisti in un inganno più grande di loro, manipolatorio a più livelli e da più soggetti. Tanto per fare un esempio un semplice selfie tra il protagonista e un’invadente ragazza diventano prove manipolatorie per una “verità” che si accetta in quanto messa in scena dai talk show, dai vari “Chi l’ha visto?” americani, dalle svariate Barbare d’Urso delle emittenti prima locali poi nazionali, con le quali il protagonista dovrà scendere a patti per trovare una soluzione che niente ha a che fare con i fatti veri e propri.

L’onda emotiva metterà in crisi e fornirà certezze fasulle a tutti i personaggi del film; compresa la poliziotta (Kim Dickens) che segue le indagini (accompagnata da un supponente aiuto poliziotto). Mistificazioni che si sommano a quelle di Amy, davvero diabolica nel perpetrare un piano di rivalsa verso il marito che definire patologico è dir poco e che personalmente mi fa catapultare la splendida Rosemund Pike nell’alveo delle bionde che “se solo Hitchock fosse stato vivo…”.

Estenuante, dicevo all’inizio di questo commento: in effetti molti spettatori in sala, a pellicola terminata, esprimevano un senso di spossatezza. Veramente “L’amore bugiardo” più di una volta sembra mettere a dura prova la pazienza dello spettatore; eppure, nonostante ciò, è difficile non aspettare l’ennesimo voltafaccia della vicenda che, a chi è appena appena attento alla realtà mediatica che ci circonda, non può lasciare indifferente. Fincher sembra ancora una volta un regista armato di certosina pazienza e alla ricerca di uno sviluppo “oggettivo” del suo punto di vista.

Pare non voglia farsi sfuggire niente per farci vedere come funzionano le cose. Così come in “Zodiac” si immedesima nel vignettista del S. Francisco Cronichle, ultima ruota del carro del quotidiano che ricerca la verità con la testardaggine del boy scout che era (e la ricerca della verità in “Zodiac” si rivelerà un fallimento e la rovina per molte vite), qui è un occhio acuto e impotente che con affanno non vuol perdere nessun dettaglio per metterci al corrente della nostra contemporaneità. Foto da smartphone, televisori che volteggiano in case, sale d’aspetto, aeroporti, come fantasmi che fan risuonare condanne e assoluzioni.

Lo stesso gesto di Affleck (coprirsi il mento con le mani per mostrarsi sincero) verrà da lui subdolamente usato per richiamare la moglie “in vita”. Persino le figure “innocenti” presenti nella storia (la sorella gemella di Nick, interpretata da Carrie Coon, la poliziotta) sono inglobate nel vortice della menzogna assisa a verità di questi nostri tempi di transizione in cui la possibilità di esser manipolati e il rifiuto della complessità sembrano trionfare. Nulla sfugge al vaglio dell’inganno, nulla sembra sfuggire al caparbio Fincher che, comunque, qua e là ci concede momenti fiammeggianti di gran risalto visivo.

Funzionale l’apporto del cast dove spicca l’affascinante Pike e dove Affleck se la cava, pur con qualche affanno, in maniera dignitosa. La colonna sonora è dell’ex Nine Inch Nails Trent Rezonor. Tra i produttori l’attrice Reese Witherspoon.

“L’amore bugiardo – Gone girl” (2014, Gone Girl)
Regia: David Fincher
Con Rosamund Pike, Ben Affleck

Giovanni Natoli

Riproduzione vietata

< < indietro < <

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...