Alzheimer, frutta e verdura dimezzano il rischio. Ecco come

ultimo aggiornamento: 31/01/2020 ore 11:27

280

Alzheimer frutta verdura contro rischio 200129

Alzheimer, da oggi la consapevolezza di avere un alleato in più. Il consumo di frutta e verdura potrebbe dimezzare il rischio della malattia.

Il consumo di ‘flavonoli’, antiossidanti presenti in frutta e verdura, ma anche in tè, cacao e vino rosso, sono gli alleati contro questa battaglia.

Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Neurology di Thomas Holland, della Rush University a Chicago.

I flavonoli sono antiossidanti della famiglia dei flavonoidi. La fonte più ricca è rappresentata dai capperi, che ne contengono fino a 490 mg/100 g di peso fresco, ma si trovano abbondanti anche in cipolle, cavolo riccio, broccoli, porri, frutti di bosco (mirtilli etc), nell’uva e in tè, cacao e vino rosso.

I principali flavonoli nei cibi sono quercetina, Isoramnetina, Campferolo e miricetina.

Lo studio ha coinvolto 921 anziani di età media 81 anni e tutti senza Alzheimer all’inizio dello studio.

Gli anziani – monitorati per sei anni di seguito – sono stati intervistati relativamente ad alimentazione, stili di vita, livello di istruzione e altri parametri e divisi in gruppi in base al livello di consumo quotidiano di flavonoli.

È emerso che coloro che avevano consumi giornalieri più elevati di flavonoli (15,3 milligrammi al dì in media) presentavano un rischio di Alzheimer del 48% inferiore rispetto ai coetanei con basso consumo quotidiano di flavonoli (5,3 milligrami/dì).

Nel campione, infatti, nel corso di sei anni di osservazione si è ammalato di Alzheimer il 30% delle persone con bassi consumi di flavonoli, contro il 15% di quelle con consumi elevati.

A offrire la maggiore protezione dall’Alzheimer (-51% di rischio) è risultato in particolare il Campferolo che si trova ad esempio in broccoli, spinaci, tè e fagioli.

Per quanto questo studio sia solo osservazionale e quindi insufficiente a stabilire una relazione di causa ed effetto tra consumo di flavonoli e protezione dall’Alzheimer, i risultati confermano ancora una volta l’importanza della sana alimentazione nella prevenzione di malattie gravi. Come l’Alzheimer, appunto.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here