Aldo Manuzio – La storia a fumetti nell’anno manuziano

ultimo aggiornamento: 17/11/2015 ore 11:28

142

aldo-manuzio

… se si maneggiassero più libri che armi, non si vedrebbero tante stragi, tanti misfatti e tante brutture

In quello che è stato definito l’anno Manuziano, anche noi non possiamo esimerci dal parlare di uno dei più grandi umanisti di tutti i tempi. E lo facciamo attraverso una graphic novel, edita da Tunué, scritta da Andrea Aprile e Gaspard Njock che riesce con intelligenza e forse qualche salto pindarico di troppo a raccontarci in sintesi e attraverso le immagini la storia dell’uomo che inventò il libro tascabile cambiando, di fatto, la vita a tutti i lettori fino ai giorni nostri.


Nell’opera vediamo la vita dell’editore intrecciarsi con quella di due ragazzi dei giorni nostri, attraverso dei raccordi visivi e di parola davvero molto interessanti e che avvicinano il lettore contemporaneo, magari anche più giovane, a comprendere l’importanza dei libri, della carta e dell’amore.

L’amore di Luigi verso la giovane che incontra a Venezia e la sua perseveranza nel continuare una storia che sembra impossibile, viaggia in parallelo con lo stesso amore e perseveranza di Aldo verso i libri e soprattutto verso il suo sogno di realizzare un tascabile.

Un parallelismo inedito ed originale, a volte con svolte un po’ troppo repentine, ma comunque interessanti, che si fa leggere tutto d’un fiato e affascina per il modo in cui Aldo, partendo dal basso, sia riuscito ad imporsi non solo come visionario, ma come umanista ancor’oggi celebrato e ringraziato.


Certo vedere disegnato un motorino a Venezia fa un po’ venire i brividi, ma sono piccoli dettagli di una storia che ci introduce all’interno di una vita, come quella di Manuzio, che continua tutt’oggi ad influenzare le vite di altre persone, come quelle di Luigi e Caterina, innamoratesi proprio grazie all’influenza dei libri.

Sara Prian

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here