Albanese in fuga per le vie di Mestre: arresto e speronamenti

ultimo aggiornamento: 13/04/2015 ore 06:59

130

polizia notte VTVE

Una pattuglia della Polizia di Stato, nell’ambito dei servizi di controllo straordinario del territorio “Alto Impatto”, ha arrestato un cittadino albanese sottrattosi ai controlli in tarda serata. Erano le 21:15 circa quando una pattuglia del Reparto prevenzione crimine ha notato una vettura di colore scuro con a bordo un uomo ed una donna nei pressi di via Cappuccina, a Mestre.
I poliziotti decidendo di procedere al controllo e, accostatisi all’auto, hanno esibito la paletta facendo chiaro segno al conducente di accostare.
Il conducente, tuttavia, invece di ottemperare all’ordine, scartava con una manovra brusca la volante dirigendosi a forte velocità verso via Carducci ed iniziando ad effettuare manovre di sorpasso azzardate.

Ne è scaturito un inseguimento che si è protratto per una quindicina di minuti e che ha visto le auto della Polizia impegnate nel tentativo di arrestare la rocambolesca fuga dell’albanese che inanellava semafori rossi e procedeva a folle velocità lungo le strade cittadine.
In via Miranese, dopo l’inizio del primo cavalcavia che si sviluppa con una curva, il conducente in fuga iniziava una pericolosa manovra di sorpasso nonostante la visuale rendesse impossibile vedere per tempo eventuali veicoli provenienti dal senso opposto. Noncurante dei pericoli che cagionava, continuava con pericolose manovre sia di sorpasso che in contromano impegnando la rotonda tra la via Miranese e la via Trieste sempre contromarcia e ad altissima velocità.


Giunti all’altezza della rotonda tra la via Trieste e la Via Bottenigo il soggetto, vedendo il sopraggiungere di un’altra volante dal senso opposto, perdeva temporaneamente il controllo consentendo alla pattuglia di avvicinarlo. Ma invano: il poliziotto sceso ed avvicinatosi alla vettura ha rischiato di essere travolto poiché il fuggitivo, sentitosi braccato, ha ingranato la retromarcia ed ha ripreso la sua folle corsa.

L’inseguimento si è protratto, tra speronamenti delle volanti da parte dell’albanese e tentativi di fermarlo, fino all’intersezione tra via Rinascita e via Pasini allorchè, ormai raggiunto dai poliziotti, nel tentativo di speronare nuovamente la volante e riprendere la fuga, l’autista perdeva il controllo dell’auto che si arrestava.

I poliziotti hanno subito bloccato il guidatore che è stato tratto in arresto. Subito emergeva l’estraneità della passeggera alla condotta dell’autista, mentre hanno rilevato che il cittadino albanese aveva precedenti per violazioni al codice della strada (aveva da poco ottenuto la restituzione della patente di guida toltagli per guida in stato di alterazione da sostanze), violazioni in materia di stupefacenti e della disciplina sull’immigrazione.


In conseguenza delle collisioni cagionate dal cittadino albanese con le vetture della Polizia 5 operatori sono dovuti ricorrere alle cure del Pronto soccorso, avendo riportato contusioni.
L’arrestato è stato quindi trattenuto per celebrare il processo con rito direttissimo.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here