COMMENTA QUESTO FATTO
 


Entra pian piano e silenziosamente nel cuore del lettore, come i soffici passi di un gattino con le sue zampe a cuscinetto rosa. Si tratta del romanzo d’esordio di Natascha Lusenti, giornalista e speaker radiofonica, intitolato ”Al mattino stringi forte i desideri” (Garzanti Editore, pagg. 240, € 17,60), una favola metropolitana che nella sua piccolezza regala emozioni vere e con una protagonista che è impossibile non amare.

Emilia, è lei la ragazza dai mille colori e sfacettature, personaggio principale del romanzo. È giovane, ha appena perso il lavoro e decide di ritornare nella sua città natale, per cercare di ricominciare una nuova vita: per un anno potrà rimanere nell’appartamento di un’amica, con un affitto già pagato.
Senza amici, solamente con due gatti al suo fianco, Lù e Leo, Emilia cercherà a suo modo di entrare a far parte di quella ”comunità” condominiale: lasciando ogni mattina, appesa alla bacheca informativa, una sua storia. Finché un giorno non troverà, attaccata sotto, una figurina dei Minions.
Tutti gli indizi fanno pensare che possa essere stato il bambino che abita lì, Nicola: ha sempre un libro in mano, una maglietta di Star Wars e suo padre ha sempre il telefono in mano. Emilia sente che lui sarà il suo primo amico nel palazzo per poi piano piano avvicinarsi a tutti gli inquilini.

Introversa, timida, con una frangia che le nasconde quel viso un po’ da bambina, la protagonista, dietro a quella presunta ingenuità, cela invece la personalità di una donna cresciuta, che ha già dovuto affrontare prove difficili e che, costretta a fare i conti con il proprio passato, dovrà capire come ripartire, spaventata o meno, ma con un obiettivo ben preciso: sempre puntare alla felicità.

Non è facile insegnare di nuovo al cuore a fidarsi, dopo che è stato illuso tante volte ed Emilia lo sa bene. Non è nemmeno facile esprimere i propri desideri e condividerli con gli altri, ma la ragazza scopre che bisogna tenerli stretti e che in fondo l’altro non è che una persona e una personalità da esplorare.

A farle compagnia in un appartamento spoglio, uno dei tanti luoghi che prima o poi dovrà abbandonare, ci sono Lù, la gatta più estroversa, il guardingo quadrupede Leo e le diverse stanze, ognuna delle quali ha un colore diverso.
Ben presto il lettore comincerà a conoscere Emilia e a capire quanto per lei i colori siano il motore della vita: il rosso pericolo, timidezza, vergona e frustrazione, il bianco che la fa sentire ”sbiadita”, il giallo che per lei è sinonimo di coraggio e il nero, che rappresenta la rabbia e l’abisso.

Questo arcobaleno caratterizza l’esistenza di ogni essere umano, ma non sono solamente i colori a dominare il mondo di Emilia, bensì anche le parole e il suo linguaggio speciale: quello dei pensieri. Pian piano, con la decisione di farli conoscere anche agli altri attraverso le sue storie, Emilia scoprirà che dopo la tempesta, ritornano anche l’arcobaleno e la speranza.

Un po’ come le brevi storie che racconta la protagonista, ”Al mattino stringi forti i desideri” si rivela un toccasana per tutti coloro che nella vita si trovano in un momento di sconforto. Sapientemente scritto, con un occhio particolare al macro e micro cosmo umano con una morale: l’esistenza si sa, è fatta di alti e bassi, la cosa importante è rialzarsi, rimettere fuori il muso e continuare a vedere la bellezza che la vita ci dona.

Alice Bianco
Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here