Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
14.8C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeLettereAggressioni contro le forze dell’ordine in aumento e la politica discute di cannabis

Aggressioni contro le forze dell’ordine in aumento e la politica discute di cannabis

extracomunitario aggredisce poliziotti LARGE

Quello che è successo all’esterno della stazione ferroviaria di Treviso, è l’ennesima dimostrazione di come le forze dell’ordine siano mandate in strada a garantire la sicurezza dei cittadini senza strumenti normativi e di autodifesa in grado di diminuire al minimo il corpo a copro tra divise e persone esagitate e violente che non avendo nulla da perdere non esitano a scagliarsi contro gli agenti della polizia di stato durante un normale controllo.

Per questo come UGL Polizia di Stato (Unione Generale Lavoratori di Polizia) chiediamo a gran voce per l’ennesima volta, che la politica invece di perdere tempo per salvare banche, per discutere la legalizzazione della droga cannabis ecc ecc impieghi il proprio tempo in maniera seria per emanare, ascoltando anche le rappresentanze sindacali, regole d’ingaggio chiare e non interpretabili e protocolli operativi che attualmente mancando mettono a rischio gli operatori delle forze dell’ordine, in questo caso uomini della polizia di stato.

Un collega è sotto osservazione e uno ha rischiato di perdere un dito con un morso. Tutto questo come si poteva evitare? Se solo fossimo già dotati di pistola elettrica Taser e spray antiaggressione così da azzerare o quasi il contatto fisico tra noi operatori della sicurezza e la persona da controllare che si dimostri violenta nei confronti di cittadini e noi.

Inutile che il Ministro dell’Interno Alfano, inviti tutte le divise a circolare armate anche fuori servizio, quando in servizio mancano proprio gli strumenti più necessari in base alla casistica degli interventi.

Le aggressioni contro le forze dell’ordine sono in aumento, complice anche il decreto svuota carceri, in pratica in prigione ci vanno ormai poche persone. Quindi per noi è diventata ormai una questione di priorità politica…… è priorità legalizzare una droga o diventa priorità una cosa che riguarda la sicurezza di tutti i cittadini e delle stesse forze dell’ordine? per noi la seconda dovrebbe essere una priorità.

Tutto qui, senza voler fare inutile polemica, questa è una cosa di buon senso e di sana amministrazione di uno Stato. La regione del veneto, poco tempo fa, aveva anche istituito un fondo regionale per la copertura delle spese legali e delle spese mediche per le forze di polizia, beh questa era occasione per attingere a questo fondo, ma tutto questo non sarà possibile in quanto il Governo ha impugnato la cosa perché ritenuta incostituzionale….. e allora si muova lo Stato e il Governo per colmare i vuoti normativi a tutela delle forze di polizia che devono pagarsi le spese mediche in caso di riabilitazione, anche per ferite riportate durante il servizio.
Una vergogna!

Mauro Armelao
Vicesegretario Nazionale
UGL Polizia di Stato

28/07/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.