COMMENTA QUESTO FATTO
 

Affitti turistici abusivi a Venezia: a Cannaregio scoperte 5 case-ostelli

A Venezia continuano i controlli agli appartamenti adibiti a affitti turistici. Nelle verifiche del 1° Nucleo Operativo Metropolitano del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Venezia e del Nucleo di Polizia Tributaria della Polizia Locale del Centro Storico, questa volta, seguendo meticolosamente le proposte dei vari siti internet specializzati, l’attenzione degli investigatori si è concentrata su alcuni appartamenti nel sestiere di Cannaregio, dove sono scattati i controlli.

Le attività risultate irregolari sono quattro, condotte tutte da cittadini stranieri: due di nazionalità cinese, una coreana e una afgana; al momento dell’arrivo degli agenti erano presenti, nei vari immobili, una quindicina di turisti di varie nazionalità, tutti stranieri. I cosiddetti “Ostelli”, sono, ovviamente pubblicizzati come tali sui vari portali turistici con disponibilità da 10 fino a 12 posti letto.

Sono state così elevate contravvenzioni per circa 15.000 Euro per violazioni alla Legge Regionale 11/2013 in materia di Autorizzazioni, Classificazione delle strutture e requisiti delle stesse, nonché al Regolamento Comunale per l’imposta di soggiorno ed effettuate verifiche sull’obbligo di comunicazione all’Autorità di Pubblica Sicurezza delle presenze degli ospiti alloggiati, con probabile denuncia penale all’Autorità Giudiziaria nel caso di mancanza della stessa.

Sono inoltre in corso altre indagini per l’accertamento di eventuali illeciti di natura fiscale ed amministrativa a carico dei gestori, sulla conformità edilizia, sull’agibilità degli immobili, ed anche sull’eventuale mancato versamento dell’imposta di soggiorno.

La lotta al settore abusivo degli affitti turistici a Venezia è sempre aperta e dura da tempo. Questo sia per la violazione delle norme, sia che per motivi di sicurezza per gli ospiti stessi.

Altri interventi congiunti tra Polizia Municipale e Guardia di Finanza lagunare verranno svolti nei prossimi giorni.

(foto di archivio)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here