venerdì 28 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Addio a Gianni De Michelis, protagonista veneziano della politica degli anni ’80

HomeNotizie Venezia e MestreAddio a Gianni De Michelis, protagonista veneziano della politica degli anni '80

Addio a Gianni De Michelis, protagonista veneziano della politica degli anni '80

Addio a Gianni De Michelis, protagonista veneziano della politica degli anni ’80. Simbolo del Psi, De Michelis si è spento ieri all’alba all’ospedale Santi Giovanni Paolo di Venezia.

Da ministro degli Esteri, firmò il Trattato di Maastricht che dette vita all’Unione Europea. Era il 1992. Gli anni Ottanta erano finiti da poco e, con Tangentopoli, in breve sarebbe stata archiviata la Prima Repubblica.
Tangentopoli lo investì con 35 procedimenti, dai quali in verità, esce perlopiù assolto con solo due condanne.
Tangentopoli definì, però, un nuovo modo di esprimersi, una nuova simbologia, un’etichetta che dura fino ai giorni nostri per definire la corruzione politica.

Gianni De Michelis, morto a 78 anni nella sua Venezia dopo una lunga malattia, è stato un simbolo della Prima Repubblica. Nel giorno dell’addio, anche chi gli è stato avversario gli ha riconosciuto un ruolo da protagonista di quella stagione politica.

De Michelis uscì di scena con Mani Pulite. “I procedimenti contro di me furono una trentina – ricordò al Corriere della Sera – Per non diventare matto, mi dissi che dovevo trovarmi qualcosa da fare. E passare dalle discoteche alle biblioteche”.

Pur fiero delle radici veneziane, De Michelis è il ministro che più ha rappresentato la ‘Milano da bere’. Le serate ‘goderecce’ del socialista dai capelli lunghi e dal fisico rotondo erano la fotografia di un’Italia che voleva mostrarsi dinamica e spensierata. Gli piaceva la bella vita e belle donne. E se ne circondava. “La condizione per fare politica – raccontò a una tv tedesca – era di potermi divertire. Ballavo di notte, ma dopo 14 ore di lavoro al ministero. Però le mie feste erano le più belle, anche di quelle di Pomicino”. Enzo Biagi soprannominò de Michelis “un avanzo di balera”. Lui non se la prese troppo.

Con Claudio Martelli e Giuliano Amato, De Michelis fu uno dei protagonisti della svolta socialista del 1976 quando, al comitato centrale riunito all’Hotel Midas, Craxi spodestò Antonio De Martino dalla segreteria. “Gianni – ha ricordato Stefania Craxi – è stato un compagno leale di mio padre, nella buona e nella cattiva sorte. Non gli fece mai mancare la sua vicinanza negli anni dell’esilio tunisino”. Anche Bobo Craxi ha riconosciuto a De Michelis “una lealtà che non era servile, ma frutto di coerenza e intelligenza”.

Nel suo messaggio di cordoglio, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricordato “uno dei protagonisti della attività di governo dell’ultima parte del Novecento” che “ha segnato con la sua azione una significativa stagione della politica estera del nostro Paese”.

Per il presidente del parlamento europeo e vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, De Michelis “è stato un grande politico, e un uomo di grandissima intelligenza”.

Messaggi sono arrivati da diversi schieramenti, da +Europa allo Psi ai sindacati. “La storia di questa democrazia è fatta di personalità che ne hanno segnato il corso – ha detto il segretario Pd Nicola Zingaretti – sicuramente, lui è stato una di queste, non c’è dubbio”.

Bobo Craxi era rimasto legato a De Michelis. “Una volta – ha raccontato – sono andato a trovarlo e ho capito che sarebbe stata l’ultima. Ho pensato: non tornerò. Perché condividevamo un elemento della tragedia che ci colpì. Per noi Tangentopoli è stata una guerra e i sopravvissuti della guerra non vogliono parlarne”. De Michelis, ha concluso Bobo Craxi, “ha passato gli ultimi anni in un’ansia ricostruttiva. Ci teneva che non restasse l’idea che i socialisti di quella stagione avessero lasciato un segno negativo”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Tuffi a Venezia: turista in topless nuota davanti alla Partigiana

Fuori programma a Venezia venerdì 21 gennaio. Una giovane turista dalla giunonica bellezza si è spogliata, si è messa in topless, e poi si è bagnata sulle acque della laguna tuffandosi dal monumento della Partigiana, ai Giardini-Biennale. C'è da dire che era...