mercoledì 19 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

HomeVenezia cittàAccattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti.
E’ un’ “invasione”, già denunciata dallo stesso Gazzettino, con decine e decine di extracomunitari che si dividono le varie zone di Venezia creando degrado sociale, molestie non più tollerabili.

E’ responsabilità e dovere delle autorità preposte, Prefetto, Questore, Sindaco, mantenere ed assicurare la sicurezza dei cittadini. Avendo già subito aggressione da parte di abusivi, accattoni, debitamente denunciata, non mi farò scrupolo alcuno a formalizzare denuncia, non più contro ignoti, ma contro chi non assolve ai suoi compiti istituzionali.
Distinti saluti.
Alessandro dr. Tamborini
San Marco, Venezia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

11 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. La legge e’ cambiata e l’accattonaggio cioè chiedere l’elemosina anche attivamente in strada non e’ più reato. Dunque nulla può fare l’autorità. Se ci sono casi di molestia, attacchi fisici, vanno sporte denunce specifiche ed individuali, meglio se supportate da testimonianze e/o video. L’Italia ha una strana legislazione severissima con i cittadini e molto garantista con chi fa quello che vuole.

    • esatto Paolo, hai detto una cosa giustissima; legge garantista con chi fa quello che vuole, e intransigente con chi è ha radici ben piantate…Aggiungo solo una cosa, si parla tanto di integrazione, mi viene in mente il caro Letta di turno o altri politici che decantano virtù e fratellanza…mai però si sognano di portarseli nel loro condominio nè tantomeno nel loro quartiere…

  2. MAI molestata da alcuno, né zingari (molto frequenti in zona mia, san Marco) né da chi timidamente attende qualche offerta fuori dai supermercati o in città.
    E magari questo sior che si firma
    Alessandro dr. Tamborini
    (manco bon a firmarse nell’ordine giusto)
    si firmasse come si deve, cioè, se proprio ci tiene a menzionare il suo titolo: “Tamborini dr. Alessandro”.

    • Siccome lei non e’ stata mai disturbata allora chi e’ stato molestato devo subire e stare zitto? Ma che bella logica…. Complimenti….

  3. proteggere i cittadini nelle nostre città è un dovere dello stato, chi permette questi sconci! è complice di questi personaggi che non vengono neanche redarguiti.

  4. non bisogna lasciare solo questo Coraggioso. Occorre, secondo me una “class action” o, nella Nostra Bellissimamente Impareggiabile Lingua, l’Italiano, una azione legale collettiva. Saranno vani i loro tentativi di immettere nel Litro Italia la Damigiana Africa. Usano questi africani come armi puntate su di Noi. Le armi non hanno colpa, ma sarà bene toglierle dalla circolazione. Tutte al Vaticano. Hanno tante proprietà immobiliari e non solo. Visto che fanno la propaganda “buonista”, passassero ai fatti o tacessero PER SEMPRE. Noi non siamo il “cassonetto” di nessuno, né bianco, né marrone, né rosso, né giallo

  5. Veramente dovreste presentarvi in massa davanti al comune, ufficio del sindaco e sudditanza annessa e connessa.
    Inutile prendersela con chi agisce perché qualcuno glielo permette.
    Andate alla fonte del marciume.
    No?

  6. Sono anni che dico di essere contrario a questa immigrazione clandestina incontrollata! Mi si risponde che sono un qualunquista, una persona senza cuore, un fascista! Mi dispiace per quelli che oggi hanno 40 anni con figli piccoli perchè saranno soprattutto loro, i loro figli e i loro nipoti a subirne le conseguenze…!

  7. Concordo in toto in quello che e scritto nell’articolo, anche xche’ nn si può più stare tranquilli bella capitale.Sia di giorno,tantomenovdi sera,x nn parlare delle ore notturne poiiiiiii……………Bisogna sistemare la faccenda!!!!!!!

  8. Propongo una “Legge di Iniziativa Popolare” perché le vittime di queste aggressioni vengano risarcite, in toto, dallo Stato.
    Lo Stato è responsabile della incolumità dei cittadini, anche quella economica se è vero che i “beni materiali” rappresentano l’estensione della vita stessa di un individuo!
    Ed, ancora, un Referendum a “carte scoperte” che rilevi, con nome e cognome, chi è favorevole, e chi no, all’immigrazione di tutte queste popolazioni che vengono a delinquere in Italia e, solo ai “favorevoli”, imputare il “prelievo di soldi necessari al sostentamento di queste persone ed il risarcimento dei danni che questi “Ospiti” compiono nei confronti degli altri cittadini italiani.
    Si vedrà, così, chi è a favore di questa immigrazione e gli si addebiterà il costo!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”