Perchè la discoteca non ha fatto entrare i ragazzi di colore?

ultimo aggiornamento: 11/03/2015 ore 15:24

86

Ancora clandestini in provincia di Venezia

Da dove nasce il fatto e le polemiche che ne sono scaturite? “L’Arteria”, è il locale bolognese dove è stato negato l’accesso ad alcuni ragazzi solo perché di colore. Il quotidiano La Repubblica l’ha definito un caso di apartheid.

Come ogni venerdì sera all’entrata della discoteca c’erano alcuni ragazzi di colore e i bodyguard hanno vietato loro l’ingresso. Motivo? Nei giorni scorsi una rissa ha visto coinvolti alcuni ragazzi neri, uno dei quali è stato trovato in possesso di un coltello.
Il buttafuori ha promesso: “Poi quando si saranno calmate le acque ricominceremo a farli entrare”.


Si tratterebbe proprio dei profughi che arrivano in questi giorni dall’Africa e nei giorni scorsi erano stati gli stessi operatori dei centri d’accoglienza a segnalarli.

Il titolare del locale ha anche ribadito: “Il mio è l’unico locale in centro che accoglie ragazzi di colore, se un buttafuori ha detto quelle cose se ne assumerà la responsabilità. Certo qui stiamo soffrendo molto la convivenza con i profughi dei centri di accoglienza che sono molto aumentati nell’ultimo periodo e queste situazioni possono creare disagio”.

Il caso sarà comunque preso in considerazione anche dalla polizia di Bologna e anche l’assessore comunale al turismo e al commercio, Matteo Lepore, ha annunciato che chiederà spiegazioni al locale.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here