5 per mille a chi dare

bancomat manomessi banconote non uscivano arrestati
Un’altra anziana raggirata e derubata dalla persona alla quale si era affidata delegandole “i suoi averi”, certa di essere al sicuro.
L’impiegata che avrebbe dovuto tutelare i suoi interessi, lavora alla filiale di Corso del Popolo della Banca Unicredit di Rovigo, e ora è certo che ha tratto in inganno l’anziana signora, conoscendo alla perfezione le cifre del suo consistente conto depositato.

Non si conoscono i mezzi persuasivi usati dalla bancaria, attraverso i quali l’ignara cliente ha sentito di potersi fidare di quella donna che le dimostrava amicizia, che le proponeva sempre il suo spontaneo aiuto. Si dice, ora, che l’anziana era una donna fragile, con qualche problema di demenza senile e che questa condizione la rendesse indifesa, vulnerabile e influenzabile.

La signora è mancata l’anno scorso, a 88 anni, e a quel punto emerge che l’impiegata dell’Unicredit, è stata nominata erede universale di tutto il patrimonio dell’anziana ingannata.

Grazie ad un esposto dei familiari, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia tributaria di Rovigo provvedono immediatamente ad un sequestro dei beni della donna, consistente nel complesso in 600 mila euro e questo atto ha interrotto le modalità giuridiche che avrebbero permesso la convalida dell’eredità.

Per tanti anni l’inganno ha funzionato, la carta di credito era nelle sue mani, prelevava soldi a suo piacere e nel momento in cui, nell’ultimo periodo della sua vita, l’anziana viveva in una casa di riposo, ha ulteriormente abusato della sua debolezza e l’ha indotta a firmare un testamento che la designava erede unica di tutto l’ingente patrimonio.

Ora in banca non ci lavora più, è a casa e non riceverà stipendio.

Essere indagati per circonvenzione di incapace è davvero ignobile, la donna dovrà rispondere penalmente e rischia da tre a sei anni di reclusione.

Le indagini condotte da Sabrina Duò, pubblico ministero di Rovigo, si stanno concludendo e la brutta storia verrà letta in tutti i suoi risvolti: sembrano essere state tante le testimonianze di chi sospettava, sapeva, aveva visto e sentito, dei medici che avevano in cura l’anziana, delle badanti che le sono state accanto, di un mondo, compreso la banca stessa dalla quale via bancomat la dipendente Unicredit ha prelevato indisturbata 32.000 euro.

A fronte delle continue violazioni sulla vita anziana e sui soggetti più deboli, è stato depositato in parlamento un disegno di legge dalla senatrice Emanuela Munerato, che chiede l’introduzione nel codice penale di una norma specifica che punisca chi approfitta della debolezza delle persone anziane.

Eppure basterebbe far rispettare la Costituzione e le norme elementari di civiltà, se proprio non si riesce a declinare la parola rispetto e neppure l’altra, pietà.

Andreina Corso

campagna abbonamenti actv venezia
SHARE
Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here