Stanotte il cielo ci appartiene, servono solo un paio d’ali per raggiungere i sogni

stanotte il cielo ci appartiene

Delicato e consapevole di portare con se un grande messaggio di coraggio, un libro che diventa amico del lettore e gli appoggia una mano sulla spalla ridandogli la forza di rimettersi in gioco. Questo è Stanotte il cielo ci appartiene di Adriana Popescu, edito da Giunti che ci regala anche una tenera e coinvolgente storia d’amore.

Layla ha un grande sogno: catturare con la macchina fotografica immagini uniche in giro per il mondo. Per il momento, però, si deve accontentare di fare la fotografa di eventi. La sua storia di cinque anni con Oliver e la loro tranquilla routine in un appartamento nel centro di Stoccarda non le consentono molto di più. Una sera, però, in una discoteca dove viene chiamata per lavoro, la reflex di Layla si posa su un ragazzo che, con gli occhi chiusi e completamente isolato dalla ressa che lo circonda, balla al ritmo di una musica tutta sua, perso nei propri pensieri. Layla è ipnotizzata da questa visione e gli scatta una foto proprio nell’attimo prima che una gomitata accidentale lo colpisca in pieno volto. È così che Layla e Tristan si conoscono. Ma da quel giorno non possono fare a meno di rivedersi: un giro in moto per la città, un pic-nic lungo il fiume, una serata a guardare le stelle cadenti. Da semplici amici, certo! O almeno, è quello che si racconta Layla. Ma qual è il confine tra amicizia e attrazione? E quanto coraggio ci vuole per buttare all’aria la propria vita?

Difficile non divorare questo romanzo in pochi giorni. La Popescu, infatti, utilizza uno stile talmente semplice e coinvolgente che il libro è finito prima che ce ne possiamo accorgere e ci si ritrova a dare un arrivederci ad un amico che ha lasciato il segno dentro di noi, che ci ha spinto a rivalutare la nostra vita e a riflettere su quante volte abbandoniamo i nostri sogni o diamo tutto per scontato, nel segno di una vita senza troppe complicazioni e abitudinaria.

Ma Stanotte il cielo ci appartiene, è anche un libro sul destino, su come il fato giochi un ruolo fondamentale nella nostra vita e di come abbiamo bisogno di persone che comprendano il nostro vero io ed estro e ci aiutino a coltivarlo anche quando siamo i primi a non notarlo.

Così come le fotografie di Layla rispecchiano un mondo di emozioni vere, mai filtrate dall’obiettivo, allo stesso modo la prosa della Popescu ci regala sentimenti reali, che ognuno sogna di vivere e che, con un po’ di fortuna, possono accadere veramente.

Stanotte il cielo ci appartiene è un inno all’amore verso le proprie passioni, verso il prossimo (come è normale che sia), ma anche e soprattutto verso se stessi. Un amore, questo, che troppe volte si dà per scontato e che, invece, è il fondamento della nostra esistenza.

Il punto di forza di questo libro è proprio il lavoro che la Popescu fa sui personaggi, dandogli spessore, lavorando molto sull’introspettività, in particolar modo di Layla, tanto da farli sembrare reali, tangibili, parte di una nostra quotidianità.

Ed è per quello che, arrivati all’ultimo capitolo, si sente un po’ di nostalgia per quei compagni di viaggio che si deve richiudere dentro a quelle pagine che sono riuscite a smuovere sentimenti nascosti, far rinascere voglie e desideri sopiti nel lettore.

E quando una persona o un libro ti regalano le ali per volare, tocca solo a noi decidere se spiccare il volo, come Layla, o rimanere nella nostra sicurezza rimpiangendo le possibilità che la vita poteva offrirci.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Facebooktwittergoogle_plus

Cosa pensi della notizia che hai appena letto? Scrivi qui il tuo parere (non è richiesta nessuna registrazione) la tua opinione è importante, falla sapere anche agli altri...

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile