Silence, le mille ambiguità del silenzio di Dio

Probabile che molti spettatori siano rimasti interdetti di fronte alla visione di questo ultimo Scorsese. E non tanto perché non ci troviamo davanti a un tour de force contemporaneo con Di Caprio protagonista, quanto per l’evidenza della tematica religiosa nel film e per la messinscena. Dimentichi che il discorso sulla fede e sugli individui ossessionati da una risposta definitiva sul vivere permea gran parte del cinema del regista.

Per rammentare le tematiche di una fede cercata e dubitata in modi dostoevskiani, ancor più che ne “L’ultima tentazione di Cristo”, dovremmo tornare agli esordi, a “Mean Streets”.
Certo è vero che in “Silence” il discorso si fa decisamente palese e l’autore ci costringe a seguire il cammino del pertinace padre Rodrigues alla ricerca del mentore, padre Ferreira, di cui si teme che il destino sia contraddistinto da abiura e conversione alla fede buddista. Il tutto ambientato nel Giappone del XVIII secolo dell’era Tokugawa.

Allora, io non sono certo uno storico del Giappone né ho credenziali di esperto di religioni; conosco però il cinema di Scorsese. Il suo cinema è un cinema fatto di conflitti interiori, di individui messi soli alla prova, privi di un riferimento autentico e lasciati in balìa di una realtà cruda e camaleontica.
E camaleontico è questo film, che si apre con un invito al silenzio, dopo che un lacerante sibilo offende le nostre orecchie di spettatori. Ma non siamo di fronte a una pellicola che ci invita a preferire la dimensione muta dello spirito. Anzi; il film è un costante ribaltamento di punti di vista.

Ogni personaggio del film sembra avere delle ottime ragioni. Chi crede di essere Rodrigues, le cui convinzioni superano i più logici inviti al compromesso, anche a rischio di vite altrui? E’ preferibile la sua incrollabilità o l’eterno abiurare e poi riconfermarsi nella confessione dell’interprete (“ci sarà un posto per un uomo debole in questo mondo crudele”). E padre Ferreira è un traditore oppure un saggio che ha compreso che c’è una terza via, oltre il conflitto, per vivere la propria fede in Cristo?
E sono solamente crudeli i metodi dell’inquisitore, davanti a cui beffardamente, Rodrigues si troverà di fronte senza saperlo, o è vero che il Giappone “è un paese così pieno di acqua che nulla mette radici”, per cui vane sono le imprese di convertire al cristianesimo le loro genti? E i convertiti che cosa aspettano dal paradiso? Solo una fuga da una vita crudele e piena di sofferenze.

Non proseguirò nel raccontare la trama; lancio i suoi interrogativi, che il film non vuole risolvere del tutto. Partendo da un romanzo del 1966 di Shūsaku Endō, già messo in scena in passato, e raccontando un periodo storico tra i più crudeli del Giappone, Scorsese sembra voler raccogliere le fila di un’esistenza artistica e personale in cui il rapporto con la realtà, le solitudini e proprio quel silenzio di Dio che non offre nessuna risposta ai suoi personaggi maggiori non poteva non condurre a un film come questo.

Ci sarebbero molte cose da dire (per esempio l’identificazione/allucinazione di Rodrigues in Gesù, il cui volto si intravede in una pozza d’acqua sovrapponendosi al riflesso del suo volto-illuminazione o follia?-Lo stesso volto ritorna in una situazione totalmente capovolta); quello che però non va dimenticato di dire è che siamo di fronte a un film di quelli che solo un Grande Maestro di cinema, al pari di Kurosawa, Bergman, Rossellini, poteva realizzare.

Indifferente allo sconcerto che può causare allo spettatore abituato a certi suoi film più di maniera e non chiuso in se stesso ma in costante offerta di domande verso chi guarda. A questo va aggiunto la qualità formale della pellicola tra ciui l’eccellente fotografia di Rodrigo Prieto, capace di rimarcare le scene più forti e sofferenti come di rinchiuderci in penombre prossime al buio; e le interpretazioni del cast, sia di Garfield, Driver e Neeson come di Asano (l’interprete, il personaggio cruciale del film e il regista Shinya Tsukamoto, Issei Ogata, eccezionale inquisitore beffardo e crudele quanto intelligente e di Yoshi Oida, capo spirituale del villaggio di cristiani rifugiati.

SILENCE
(id., 2016)
regia: Martin Scorsese
con: Andrew Garfield, Adam Driver, Liam Neeson, Tadanobu Asano.

Giovanni Natoli

SHARE
Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here