Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara:
www.lavocedivenezia.it è definita “prodotto editoriale” diffuso al pubblico con periodicità regolare di natura quotidiana contraddistinto da una testata.

Ai sensi della Legge n.47, 8 febbraio 1948, si dichiara:
La testata, denominata “La Voce di Venezia”, risulta iscritta negli elenchi del Tribunale della circoscrizione di Venezia (atto 14, 12/06/07).
Direttore Responsabile della testata è Paolo Pradolin, iscritto negli elenchi dell’Albo Professionale dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto.

Lo stampatore è identificabile in: 9Net S.r.l.,Via Caldera 21, 20153 Milano (MI),P.Iva e C.F. 02714840960, R.E.A. 1542830.
Autorizzazione al ministero delle telecomunicazioni numero 00146 24 ott. 1996 rinnovata il 20 aprile 2005.

La testata si pone unici obiettivi di utilità pubblica al servizio dei cittadini. Sono garantite l’osservanza delle vigenti leggi e la continua vigilanza sulla pubblicazione dei contenuti.
Se la divulgazione di uno di essi potesse offendere in qualche modo un qualsiasi diritto civile, morale, etico o religioso di qualsivoglia soggetto esso può essere rimosso al ricevimento della segnalazione.

Mission.

La “Voce di Venezia” è una testata giornalistica con regime di aggiornamento quotidiano.
Il suo obiettivo precipuo è dare un contributo all’informazione locale e generale che sia agevolmente e gratuitamente fruibile dai cittadini, e da chiunque interessato a notizie sulla città di Venezia e oltre.
Gli scopi sono la divulgazione di notizie, la diffusione di cronaca, il contributo alla promozione di eventi, il sostegno ad iniziative inerenti arte e cultura, agevolando le informazioni sulla città di Venezia.
La testata pone i sui spazi a disposizione degli Enti Locali ed Istituzioni, qualora in favore dei cittadini e del pubblico interesse, nell’ottica di poter offrire un servizio di pubblica utilità.
La testata pone altresì spazi a disposizione dei lettori e dei cittadini, nell’esercizio della libertà di pensiero garantita dalla Costituzione e nel rispetto delle vigenti leggi.
Le opinioni dei lettori, i commenti, le lettere al giornale, si devono ritenere autonomamente e singolarmente espresse e non riflettono le linee di pensiero del giornale.

Privacy.

In osservanza della Legge 196, 30/06/2003, si dichiara:
La “Voce di Venezia” non richiede nè conserva a scopo di riutilizzo alcun tipo di dato personale di utenti e fruitori del servizio.
Per la declaratoria sui “cookie” si invita a prendere visione della normativa estesa ad essa dedicata (vedi spazio a fondo di ogni pagina).

Copyright.

I marchi, il sito e i contenuti in esso pubblicati appartengono alla proprietà intellettuale dell’editore.
Sono proibite duplicazioni e diffusione degli stessi in mancanza di esplicito consenso scritto (e.mail).
E’ consentita la citazione che correttamente riporti origine con link alla fonte originale (www.lavocedivenezia.it).

Materiale pervenuto.

La Voce di Venezia non può assicurare la restituzione del materiale pervenuto anche se non pubblicato.
Si raccomanda l’invio di materiale (testo, foto, creazioni e idee opere di ingegno) libero da diritti d’autore.

Diritto D’autore.

La direzione e la redazione vigilano costantemente sulla pubblicazione dei contenuti in osservanza alle norme sul diritto d’autore. Se tuttavia nelle pagine del giornale dovesse essere riscontrato materiale che possa confliggere con tale norma si prega di farne segnalazione ( redazione@lavocedivenezia.it ) e il contenuto verrà immediatamente rimosso.

Obbligo di rettifica, diritto all’oblio e all’aggiornamento della notizia.

Il giornale, il suo editore, il comitato di redazione, hanno autonomamente elaborato e instaurato il seguente codice di autoregolamentazione.

La Legge n. n.47, 8 febbraio 1948, punisce la diffamazione, cioè l’offesa alla dignità e all’onore delle persone, la diffusione di immagini raccapriccianti e impressionanti, le pubblicazioni, che possano “corrompere” adolescenti e fanciulli. Obbliga i direttori alla rettifica delle notizie inesatte e alla pubblicazione delle sentenze dei tribunali a tutela dei diritti dei cittadini.

In osservanza a sentenza di Corte di Cassazione (n. 5525 del 05/04/2012):
L’interessato può far valere il diritto all’aggiornamento della notizia che lo riguardi. Tale aggiornamento, completo di data e ora, verrà pubblicato sotto l’articolo originale con pari evidenza.
In osservanza a sentenza Corte di Giustizia UE (causa C-131/12 del 13/05/2014):
L’editore non è responsabile dei link esterni (altri siti) che rimandano o diffondono un articolo pubblicato sul proprio giornale.
Si ricorda che il trattamento dei dati personali per finalità giornalistica, specificatamente regolato dal nostro Codice sulla Privacy (art. 136 e ss.) permette specifica deroga all’obbligo del consenso della persona interessata. Tale deroga si applica esclusivamente al trattamento «effettuato nell’esercizio della professione di giornalista e per l’esclusivo perseguimento delle relative finalità» o «effettuato dai soggetti iscritti nell’elenco dei pubblicisti o nel registro dei praticanti di cui agli artt. 26 e 33, legge n. 69/1963».
Il diritto all’oblio (Cass. Civ., sez. III, n. 5525/2012) viene qui ritenuto garantito esercitandone richiesta ( redazione@lavocedivenezia.it ) una volta assolta la funzione informativa della notizia, evidenziando parimenti come ne’ l’editore, ne’ la testata giornalistica, abbiano potere o funzionalità che permettano la cancellazione dai motori di ricerca o dai risultati dei motori di ricerca della stessa.

L’editore non è responsabile dei commenti del pubblico sugli articoli letti. Laddove possibile le discussioni sono moderate con sorveglianza continua contro tutti i casi di commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, ma le opinioni dei lettori vanno considerate espressioni della libertà individuale della persona non correlate all’esercizio del Giornale.
L’editore, parimenti, non è responsabile dei commenti di terzi su social network, sui quali non ha alcuna operatività, originati dal riporto della pubblicazione di articoli di giornale su tali social.
L’editore, infine, non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali siti collegati tramite link, in entrata e in uscita, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Fiscali.

La Voce di Venezia è testata giornalistica senza finanziamenti pubblici
gestita da associazione di volontariato senza fini di lucro
Iscrizione Regione Veneto cod. cl. PS/VE0226
Per sostenere questa informazione libera: fai una donazione
Puoi sostenere il giornale anche con il cinque per mille:
5 x mille a La Voce di Venezia

L’editore.



Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here