Lido di Venezia, niente sequestri: capanne ‘salve’ per il momento

407

Lido di Venezia, capanne 'salve' per il momento

I gestori degli stabilimenti balneari del Lido di Venezia possono stare tranquilli: nessuna multa o sequestro per la posa delle capanne dopo la stagione estiva. Il Comune ha prorogato le concessioni liberando dalla paura dei sequestri ventilati la primavera scorsa. Le capanne rimarranno al loro posto per ora, in attesa del Nuovo Piano particolareggiato che riguarda gli arenili e la loro riorganizzazione.

Questo futuro strumento urbanistico esaminerà gli stabilimenti e la loro posizione, determinerà con precisione le regole da rispettare e i canoni demaniali da corrispondere. Entro il primo semestre 2017 tutto dovrebbe essere pronto e adattato alla nuova stagione balneare, che partirà con regole chiare e finalmente definitive,eliminando così situazioni di proroghe e provvisorietà.

Grazie alla collaborazione del Consorzio degli stabilimenti balneari del Lido e al coinvolgimento della Municipalità del Lido e Pellestrina, il Comune di Venezia potrà, con soddisfazione del prosindaco Paolo Romor, dare avvio ad una stagione organizzata e ordinata, basata su regole da rispettare e all’insegna di una fattiva collaborazione.

Redazione

27/10/2016

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here